Il Piero è un mito vivente: sereno pensionato da oltre 40 anni, dopo una vita dedita alla cautela lavorativa ma all’approfondimento e allo sviluppo della percezione nell’ambito eno-gastronomico e in quello della lirica (e in altro che la Merlin ha tagliato), mi ha adottato quale suo discepolo e mi sta facendo salire tutti i gradini della piramide iniziatica con una costanza da vero Maestro.

Abbiamo cominciato con il Cotechino di Saronni, boccia sacrale di prosciutto confezionata come si son perse le tracce manco fossimo in un romanzo di Harry Potter. Ci siamo poi lanciati verso luoghi sacri al colesterolo: La Resca di Mantova, La Lucciola (ristorante, non bordello, chiariamo), e Da Cattivelli dove il mix di Malvasia seguita da Gotturnio (entrambi in ragguardevoli quantità) mi ha steso peggio di un TIR bulgaro. L’assalto al Palazzo d’Inverno è stato simboleggiato dal tentativo di acquistare una forma intera di grana, con la scusa “almeno abbiamo qualcosina per lo spuntino per strada”.

Ma lunedì il Maestro si è superato, facendomi partecipe di un suo acquisto del weekend: una pancetta passata al forno che unita al pane caldo croccante fa sublimare l’uranio, fondere il plutonio, sballare il trizio, e tremare lo stronzio. Con una gentilezza che solo i veri signori come lui possono avere, mi ha avvicinato il palestra, e con fare da vero e consumato pusher, mi ha allungato un pacchetto dicendomi “Sii felice”.

Sono arrivato a casa e ho celebrato il salume col pane. Fortuna che era troppo presto per aprire una bottiglia, altrimenti un bicchiere di vino era come la luce nei quadri del Caravaggio, i colli in quelli di Modigliani e le gocce in quelli di Pollock.

Lo so, domani triplo allenamento, ma dovreste vedere l’espressione di estasi sulla mia faccia. Foto? Il Maestro Piero, ovvio …

piero

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

8 Comment on “Passaggio iniziatico

Rispondi a The Master Of Cook Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: