Let’s go, Steve walks warily down the street.
With the brim pulled way down low
.
Ain’t no sound but the sound of his feet, Machine guns ready to go

Il giro di basso è inconfondibile, e i due gruppi di 4 corde sono gestiti con divertente maestria sia dal ragazzo che dalla ragazza: coppia di bassisti  nell’angolo che da Via Dei Mercanti sbarca in Piazza Cordusio.

Are you ready, Are you ready for this!
Are you hanging on the edge of your seat.
Out of the doorway the bullets rip, To the sound of the beat

Ho risalito tutta l’Africa, riuscendo anche a telefonare dalla Somalia, per fermarmi qualche ora nell’aeroporto di Dubai. Sono ripartito passando sopra il Golfo Persico con un vento a quasi 300 kmh che sciroccava il 380 come se fosse stato un piccolo biplano, sono arrivato a Milano e i destini festosi di Nyla mi hanno accolto a casa per le poche ore che ci rimango.

Another one bites the dust, Another one bites the dust
And another one gone, and another one gone, Another one bites the dust
Hey, I’m gonna get you too, Another one bites the dust”

Come non andare a trovare Ryu, il folletto giapponese vestale della Signora Tedesca a Telemetro? Un abbraccio, due chiacchiere, un caffè e un paio di domande, concluse con il regalarmi un filtro neutro da montare dentro il paraluce del 35mm visto che sono allergico ai copri-obiettivo e uso le macchine fotografiche senza la paura che si rovinino.

“How do you think I’m going to get along, Without you, when you’re gone
You took me for everything that I had, And kicked me out on my own
Are you happy, are you satisfied, How long can you stand the heat
Out of the doorway the bullets rip To the sound of the beat”

Il brano ho cominciato a sentirlo da un centinaio di metri di distanza, con un riff funkeggiante che non puoi evitare di farti entrare nelle vene, fino a far ritmare anche il muscolo cardiaco.

Come non fotografarli? 1000 ISO facili, facili e un po’ di apertura sul Summilux ….

bites the dust 1bites the dust 2bites the dust 3

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

11 Comment on “Steve walks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: