Stavo attraversando Soho, dopo aver zigzagato per Hell’s Kitchen senza ritrovare quello che mi ricordavo fosse l’ambiente operaio che connotava l’area storica dell’immigrazione Irlandese. Il polso mi informava che erano passati oltre 13 chilometri dalle due fette di pane abbrustolito, con sopra un avocado e un paio di uova in camicia, che avevano marcato la partenza della mia camminata.

L’appetito è una brutta cosa, soprattutto quando scendi per la Mulberry, tra la Prince e la Sping Street, e vedi sulla destra la vetrina di un posto che ti fa subito fiducia e simpatia: tutti quelli seduti nei piccoli tavoli sorridevano e chiacchieravano: non ce n’era uno con il telefono in mano.

Ruby’s Cafe.

Sono entrato, dopo pochi minuti di attesa. Tutto il ristorante sarà 40 metri quadri scarsi, ma riesce a far sedere comodamente la gente, senza dover pranzare col gomito di quello del tavolo vicino sotto il collo, e se lo dico io che sono grosso potete credermi.

Un menù vario, con delle marcature italo-australiane salutiste, una cucina dove i due cuochi lavorano ad un ritmo incessante senza concedersi una distrazione, e con una precisione millimetrica nei 2 metri quadri scarsi che hanno a disposizione. Ho scelto il Bronte burger, inizialmente con l’insalata ma poi ho piegato sulle fries.

Se fossi un credente al primo boccone avrei visto Dio.

Gustoso, ben bilanciato, poco condito con grassi che normalmente in America abbondano. Materia prima di qualità, preparata e cotta con responsabile professionalità. Le patatine croccanti senza essere unte. La maionese al tartufo delicata. La lager fresca e gustosa. Mi è venuta la tentazione di campeggiare fino alla cena.

Very well done, guys!

Foto? Ovvio ….

ny-d5-5 ny-d5-4

 

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

5 Comment on “Ruby’s Cafe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: