Archivio mensile:febbraio 2017

Promis

Promis, promessa. Merlot, Syrah e una piccola parte di Sangiovese, ha aspettato nelle botti delle Cantine Gaja 12 mesi, prima di passare in bottiglia, e poi atteso alcuni anni prima che io questa sera scoprissi questo piccolo ristorante, gestito da un appassionato che riesce a trasmettere amore per il proprio lavoro, calore, amicizia. Momentswinebar, posto interessante. Ci devo […]

15 anni di buco

La prima volta c’ero passato bestemmiando nel Gennaio del 2001, nel buio. Tra fango e giaccio, infilandomi in un pertugio che solo i più inguaribili ortodossi estimatori avrebbero potuto definire “marciapiede”. Poi cercavo sempre di evitarlo, malgrado mi costasse acrobazie pedonali, scegliendo tra il traffico del Garden Ring e l’affollata stazione di Paveletskaya, con i vari […]

Burqa

Stamani tappa alla Warehouse 421, un intelligente polo artistico creato dalla Salama bint Hamdan Al Nahyan Foundation per promuovere lo sviluppo sociale, culturale ed artistico della popolazione degli Emirati. La nuova esibizione, aperta da un paio di settimane, è “Lest We Forget – Emirati Adornment: Tangible & Intangible” che percorre gli aspetti socio-ornamentali della tradizione locale: […]

Ballando Jebel Hafeet

Jebel Hafeet in arabo significa “La Montagna Vuota” e fa riferimento all’intricato sistema di grotte e caverne che caratterizza questo massiccio, largo circa 5 chilometri, che si estende tra Al Ain e l’Oman, segnandone per 25 chilometri il confine. La cima supera di poco i 1,200 metri e offre una eccellente vista nelle giornate limpide d’inverno […]

8 corsie

Farsi il giovedì mattina alle 7 la tratta Dubai-Abu Dhabi era, fino a un annetto fa, come volersi imbucare in una serie di rallentamenti e code. Le prime subito fuori dall’aeroporto, dove il flusso da Sharja era duro e pesante, poi intorno a Downtown, mentre vedevi scorrerre il missile del Burji – siringa verso il […]

Un’ora: 6.400, 4.000, 2.000, 1.000

Un’ora d’aria ieri: sono passato a trovare prima David – per parlare di hedge come stile di vita, e di felicità come prodotto finanziario – e poi da Ryu – vestale nella religione della Signora Tedesca a Telemetro – a sentire cosa mi aspetta con la M10 che tra qualche settimana avrò tra le mani, assieme […]

Certo che son felice …

Ieri la Camilla ha discusso a Pavia la sua tesi sullo spettacolo infinito dei Talk Show, tracciando una linea che, partendo dalla creazione ed esportazione dai primi format americani, è arrivata alle piattaforme multimediali e universali come Chelsea che dal Maggio 2016 ha sviluppato 90 puntate su Netflix, con una copertura globale a livello mondiale. Ne […]