La terra del Grigio

Stamani erano da poco passate le 6, e stavo guardando le ultime gocce di espresso cadere nella tazzina a conclusione di una lunga telefonata che avevo appena avuto con Singapore, quando Nyla mi ha raggiunto nella cucina/home-office.

Il suo sguardo in-canava (neologismo, più corretto di “incarnare” se riferito ad un cane) la quintessenza del risveglio: sbadigli, stiracchianti e grattata dell’orecchio con la zampa posteriore. Poi mi ha guardato con un’espressione che solo i Pastori Tedeschi sanno trovare, sembrava mi volesse dire “Lo so che te ne stai per andare, Carry me with you“. Mi è scattata la citazione musicale in automatico …

How you’re always flowing, blowing in my mind
Like a stream, these magic waters move me to a dream
Of travelling with you, drifting carefree, dropping downward through fresh grasses
Bubbles merrily as it passes, never knowing where you’re going
Carry me with you, carry me with you!

In The Land of Grey and Pink“, il terzo album dei Caravan,composto durante il 1970 e pubblicato nei primi mesi del 1971. Un’accoglienza abbastanza tiepida da parte del pubblico, e qualche difficoltà nelle vendite, provocarono malumori nel gruppo terminati con l’abbandono di David Sinclair, tastierista del gruppo, che suona una suite di 22 minuti all’organo nel lato B del vinile originale, “Nine Feet Underground“, un capolavoro a mio avviso.

Oggi “In the Land” viene visto come il più significativo disco della “Scuola di Canterbury”, il rock-progressivo che arrivava dalla cittadina del Kent. Ovvio che l’ho selezionato subito dalla libreria, mettendomelo come sottofondo in una mattina di Agosto silenzioso.

Foto? Forse ho qualcosa di Canterbury, scattato con una Yashika 4×4 che mio padre mi aveva prestato quando, a 14 anni, mi aveva spedito nel Somerset a lavorare come cameriere in un ristorante di Frome, piccolo paesino agricolo, ma stiamo parlando di roba sepolta in cantina da decenni. Fatemi recuperare un “in the land of grey and green”, con un rosmarino profumato davanti a casa di Sergio e Renata …

 

Annunci

3 commenti

  1. Ovvio che ve lo faccio ascoltare …

  2. Oh no!! I went searching and actually, the song was here 🙂

  3. Speravo più in una foto dello sguardo canino… 🙂😘

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: