La Colonna di Marmo

Ultima mezza giornata in Asia, per poi rimbalzare nel Paese dei Castelli di Sabbia e finire di carambola in Italia per qualche giorno.

Ho deciso di porre un rimedio alla gente che mi si schianta addosso (vedi post “Che mano tenere” di pochi giorni fa) e mi sono avviato a piedi verso il “Ladies Market” a Mong Kok, nella a Tung Choi Street. È il mercato che unisce paccottiglia assortita di diversi generi merceologici, con un po’ di minchiate turistiche e abbigliamento cheap/ultra-cheap.

Dopo qualche giro ho individuato una bancarella che stampa magliette. Il tipo dietro il banco ha una sigaretta accesa piantata a lato della bocca, a ricordo della migliore tradizione del cinema noire francese. Si esprime in un inglese ripieno di noodles con fettuccine fritte di maiale.

Vorrei una maglietta, nera con una scritta arancione in Cantonese” gli chiedo, avendo come risposta un sussulto del mento che provoca la caduta della cenere di sigaretta sulla sua mercanzia, ma non pare se de dia cura.

La gente in metropolitana e sui marciapiedi mi viene addosso, distratta dai loro telefoni” gli spiego, anche se comprendo potrei chiedergli anche di stampare “Salvini e’ Arabo” e non farebbe una piega. “Potresti scrivermi una cosa tipo ‘Attenzione‘, oppure ‘Evitatemi‘ o ‘State alla larga’?“.

Gli chiedo ancora se capisce l’inglese: arrivare a chiedergli se lo parla anche mi pare di saltare in fosbury la sua privacy. Mi risponde con una una buffata di sigaretta “What you want I write“: un genio del guerrilla-marketing, e’ chiaro.

Mi metto a riflettere ad alta voce. “Ma forse e’ meglio scrivere qualcosa che faccia comprendere il pericolo nello schiantarmisi addosso: i miei 110 kg, accelerati a 7kmh che e’ il mio passo medio, addizionati agli altri 4 della persona che mi viene incontro e’ come arrivare di corsa contro un muro di cemento armato“.

Senti, scrivi ‘COLONNA DI MARMO’, ma non che sembri un riferimento volgare al pisello, please, che qui non avete grande senso dell’umorismo“.

Solleva sopracciglia e sigaretta. Si vede che sta pensando in modo elettromeccanico. Emette un “Oooohhhhhhhh” e si lascia prendere da una risata irrefrenabile che gli fa sussultare la sigaretta, sempre piazzata nell’angolo delle labbra.

L’ho abbandonato che rideva dopo un paio di minuti: deve averla presa come la battuta del secolo. Niente maglietta, comunque.

Foto? A spasso per Mong Kok, mano nella mano, o meglio ‘mano sull’otturatore, con la Signora Tedesca a Telemetro …

4 commenti

  1. Ecco, effettivamente Colonna di marmo è eccessivo 😂😂 Che mondi…

    1. dipende da cosa si stia intendendo 😉

  2. ti ho letto , tutto!
    dovresti farlo più spesso, mi è piaciuto un sacco.
    buon rientro tra castelli di sabbia, miniere e Milano , dove oggi ho incontrato un amico comune

    1. Non mi toccasse lavorare, lo farei sempre 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: