A poche centinaia di metri dalla Diga Bhumidol, costruita ai primi degli anni ’50, la barca mi ha raccattato, facendomi cominciare una serie di attraversamenti su precarie passerelle, che si curvavano pericolosamente sotto il mio peso: ho lasciato Tak e passo le prossime 24 ore a bordo di una imbarcazione, che mi porter a risalire […]

I “floating markets”, i mercati “galleggianti”, con bancarelle e stalli ospitati su barchette instabili, sono ormai solo una leggenda turistica in Thailandia: da un lato sono stati eliminati grossa parte dei canali, rimpiazzati una una rete viaria più che decente, e dall’altro i centri commerciali hanno fagocitato l’indole al raccattare il cibo per strada, da […]

“La Chinatown di Bangkok è una delle più grandi al mondo”, mi dice Owl (“Gufo” in inglese), che mi sta guidando in una lettura della Thailandia un po’ fuori da quella stereotipata di spiagge, templi e turismo sessuale. Non sono riuscito ancora a capire come si chiama, visto che si è presentata con un insieme […]

E poi e poi, gente viene qui e ti dice, Di sapere già ogni legge delle cose E tutti, sai, vantano un orgoglio cieco, di verità fatte di formule vuote E tutti, sai, ti san dire come fare, Quali leggi rispettare, quali regole osservare, Qual e’ il vero vero, E poi, e poi, tutti chiusi in tante celle, Fanno […]

La strada sembra bombardata. Le buche sono dei veri crateri, e il Caronte locale ha dimostrato da subito la sua incapacità a guidare anche un triciclo. Molti dei lampioni sono accartocciati, intorcinati nell’agonia successiva a decenni di schianti, alcuni sembrano serpenti a terra. A lato della strada le carcasse di auto vengono cannibalizzate con la […]

“Maourisiou, la macchina è pronta se vuoi che andiamo a mangiare il bacalhau“, mi dice il collega che vive qui, a Luanda, guardando bene dal pronunciare il mio nickname “Mau“, visto che nella lingua di Vasco de Gama significa “il Male“, e ho già una leggenda da Kurtz che mi avvolge. Si, il Kurtz di […]