“Cami, ho comprato 5 elefanti“. “Babbo, non sono certa di voler sapere cosa tu abbia veramente fatto ….“, mi ha risposto mia figlia: allevali, falli studiare, e poi ti ritrovi a gestire il tuo stesso sarcasmo dietro degli acuti occhi azzurri. Quando,  sul telefono, mi è arrivato il messaggio che annunciava “Warehouse sale upto 75%, new arrivals from […]

È segnalato da tre neon verdi, a forma quadrata, sovrapposti: solo che alcuni dei lati sono bruciati e i rimanenti accesi danno l’impressione dei numeri sugli schermi dei primi computer, ma senza alcuna affinità algebrica o logica. Si apre il guardrail sulla piazzola sconnessa in terra battuta, in una delle strade più trafficate dell’universo, ma solo per 6 o […]

No, non sto iniziando una rubrica sul “mangiare e bere in aeroporto”, e’ solo che mi capita cosi’ oggi. Poi si dira’ “dicotomico” o “manicheo”? Bah, diciamo che sul bere mi muovo solo tra l’acqua e il vino, e – facendo la Fenomenologia Del Bicchiere e saccheggiando un po’ Hegel – posso dire che, dalla […]

“Buongiorno, vorrei un cappuccino, tiepido per favore“. “Seduto o in piedi?” mi chiede la signora alla cassa, “Mi scusi, ma le interesse a fini statistici, per condurre un’indagine comportamentale, sapere come mi bevo il cappuccino?” le rispondo. Sono nell’aeroporto di Malpensa, e sono le 7:30 di mattina: sto aspettando che mi apra la lounge della compagnia […]

L’altra mattina stavo discutendo con Nyla sulla Seconda Guerra dell’Oppio, combattuta tra la spedizione coloniale Anglo-Francese e l’esercito della dinastia Quing in China tra il 1856 e il 1860. La quadrupede pelosa era soprattutto interessata alle tre battaglie del Forte Taku, e il successivo “incidente diplomatico”. L’inviato inglese Harry Parkers aveva ricevuto a male parole i […]

Mashal Khan era uno studente nell’Università di Maradan, nel distretto del Khyber Pakhtunkhwa, in Pakistan, sulla strada che collega Islamabad con Kabul attraverso il passo del Torkham. Pochi giorni fa è stato linciato da una folla di suoi coetanei, che frequentavano gli stessi suoi corsi di giornalismo. L’accusa che gli è stata mossa, e che gli è […]

Arturo Di Modica è un artista siciliano, e il suo lavoro più conosciuto è il “Charging Bull“, la statua in bronzo di tre tonnellate posta adesso a Wall Street, nel Financial District di Manhattan. Il lavoro, interamente finanziato dallo scultore, fu piazzato nel Dicembre del 1987 – senza alcun permesso – davanti alla NYSE, e […]