Quando l’Agnello aprì il settimo sigillo, si fece silenzio nel cielo per circa mezz’ora. E vidi i sette angeli che stanno davanti a Dio, e a loro furono date sette trombe“. L’Apocalisse di Giovanni, l’ultimo libro del Nuovo Testamento, nella Bibbia.

Una lettura sempre affascinante anche per i non credenti come me: la forza dell’immaginazione, del simbolismo e l’incalzare della narrazione ne fanno, ovviamente, il capostipite e primo best seller della letteratura apocalittica che, quasi duemila anni dopo, anche ad Hollywood ha avuto un bel successo.

Non sono reduce da conversioni, ma l’immagine di ieri del monsone che scatenava la sua potenza su Kuala Lumpur, tra tuoni e fulmini e cascate d’acqua, mi hanno creato il set “immaginario” ideale per scriverci due parole sopra.

L’Apocalisse è stata scritta intorno al 90 (non 1990, proprio 90 dopo Cristo), da un autore che si presenta come “Giovanni“: studi non concordi lo identificano come la stessa persona che ha composto “Il Vangelo Secondo Giovanni” ma non con l’apostolo. Altre analisi lo datano intorno al 67. La testimonianza più antica è un papiro in greco della metà del 200, e manoscritti in latino datati intorno al 350. Per essere un ateo direi che è testo che affascina e merita la lettura: lo sa Bergman che ci ha tirato fuori un film immortale, “Il Settimo Sigillo“, probabilmente la mia pellicola preferita al mondo.

I numeri dominano il racconto: il 7 della completezza, della perfezione e la sua metà, il 3-e-mezzo, è il “temporaneo“, le operazioni aritmetiche e le moltiplicazioni suggeriscono un disegno pitagorico. I mille anni, i quattro cavalieri di quattro colori, ma intervengono poi altri riferimenti simbolici in un luna-park di allegorie che ne fanno una lettura quasi antesignana delle droghe psichedeliche di cui, qualche settimana fa, ho scritto (vedi “buon compleanno LSD“).

Inutile farvene un riassunto e parlarvi dell’apertura dei sigilli e della Gerusalemme Celeste: ripeto, è una lettura affascinante anche per chi non crede e su web se ne trova una buona versione in pdf.

Interessante è la conclusione del libro, che, nella mia immaginazione rappresenta il primo serio tentativo di difesa del copyright, della proprietà intellettuale: “Se qualcuno vi aggiunge qualcosa, Dio aggiungerà ai suoi mali i flagelli descritti in questo libro; se qualcuno toglie qualcosa dalle parole del libro di questa profezia, Dio gli toglierà la sua parte dell’albero della vita e della santa città che sono descritti in questo libro“.

Difficile trovare un’immagine appropriata: me ne viene in mente solo una che ho scattato nel 2008 in New Zealand …

apocalisse

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: