La Ragazza Indiana

Pochi giorni prima di Natale, nel 2004, stavo lavorando in India, a Bangalore: una chiacchierata e due battute stamani con l’amico Ryu mi hanno fatto ricordare quei momenti e la povertà che mi sfiorava mentre stavo collaborando a costruire un impero economico basato sui Service Centers, sui Business Process Outsourcing, sui Global Delivery Network e altre amenità che hanno investito di innovazione l’economia Indiana da una quindicina d’anni a questa parte.

Ricordo il traffico, dove ogni cosa a due, tre, quattro o mille ruote o zampe ha la sua particolare e peculiare interpretazione delle regole del movimento, generando un continuum dove gli esperti della teoria del caos hanno orgasmi di gioia.

Ricordo i ragazzini pagati qualche rupia al giorno per tirare agli avvoltoi con le fionde e non farli posare sui palazzi: se non avete mai visto il guano di un avvoltoio non potete capire perché sia meglio evitare di trovarselo sul davanzale. E le finestre della camera d’albergo chiuse per le scimmie che ti entrano e ti fanno un gran casino.

Ricordo la birra Kingfisher, con le etichette semistrappate perché non vengono sostituite a ogni riutilizzo della bottiglia, ricordo la scoperta della cucina vegetariana e vegana che mi faceva stare benissimo, mangiando anche in strada, mentre i miei colleghi americani che si ostinavano verso la steak passavano buona parte della settimana “sick like a dog“.

Ricordo gli odori che ti entrano nel cervello e l’aeroporto dove si veniva chiamati dal parcheggio antistante, visto che non c’erano gates e gli imbarchi venivano organizzati uno alla volta, come una nave sull’unico molo disponibile.

Ricordo gli occhi della povertà ….

india

Annunci

6 commenti

  1. ragazza?

    1. Richiamo edotto alla foto di McCurry ….

  2. Per quello che racconti tu, ma anche per quello che mi hanno raccontato altre voci, non sono pronta a confrontarmi con l’India, sarebbe un dolore fisico, credo.

    1. È un’esperienza “forte” e te lo dice uno che “ha visto cose che voi umani non potete nemmeno immaginare” …. Ma è un paese e della gente di una bellezza straordinaria

  3. certi pensieri espressi in lettere ed associati ad una immagine ti toccano nel profondo.
    Anche stavolta…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: