“Allora che fai, stacchi e te ne vai in vacanza finalmente?” “Si Mau, non ce la faccio più, sono veramente stanca: con un’amica partiamo domattina presto in auto e mi faccio una settimana di mare, spiaggia, colori, musica, balli, cibo e vino“.

“Allora scommetto che te ne torni a casa, in Sicilia.” “È perfettamente inutile che io continui a ripeterti che sono Calabrese, non Siciliana: viste le tue passioni, prova ad associarmi alla nduja e non al cannolo, al peperoncino della Sila e non alla Pasta alla Norma e vedi che una volta per tutte o ti ricordi bene o almeno ti impongo una dieta rieducativo-geografica“.

“Seeeee, fai la spiritosa. Tanto lo so che sempre li vai a parare, a osservare che dovrei vivere in modo più sano: sei troppo gentile e delicata per non schiaffeggiare le mie abitudini alimentari. Lo so che se capitassi sotto le tue grinfie mi confineresti in un intorno delle 900 calorie quotidiane e senza alcun premio finale come quella volta che il mio medico …” “Senti piantala con quella storia: gli incentivi si danno in modo misurato sulla base dei risultati raggiunti e con una stretta di mano, al massimo un abbraccio. Tu esageri sempre su tutto e ti sei preso il ‘reward’ senza ‘compete’“.

“Quindi domani torni a casa?”.”No, ho voglia di un cambiamento: mi prendo veramente una settimana di libertà, voglio ripartire con il sorriso: gli ultimi mesi li ho passati non benissimo, ma adesso tutto è alle spalle e la voglia di divertirmi, di sorridere è tanta.

“Sono davanti al mare, vedo dei bei colori sui quali potrei raccontare una storia”. “E forse potresti andare oltre?“. “Non lo so: sto andando talmente oltre di recente che l’oltre di tutti è diventato ‘passato’ per me, l’oltre-oltre è presente e l’occhiaia fissa è diventata una parte della mia vita”.

“Adesso ti mando i due scatti che ho appena fatto: i colori del mare all’alba e il colore della disperazione di una notte passata su una panchina”.”Ma anche se non mi mandi quella della disperazione fa lo stesso, guarda ho fatto esercizi di disperazione e son felice di averli lasciati lontano dietro di me …..

Come direbbe Iggy Pop, “I see the stars come out of the sky, Yeah, the bright and hollow sky, You know it looks so good tonight” ….

sunrise at the ferry terminal hard life

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

7 Comment on “Oltre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: