Si, dottore.

Gli esami vanno benissimo, rimane il fatto che lei … beh, il suo peso è eccessivo. Praticamente lei è obeso“. Il clou della giornata in ambito di autostima arriva nel tardo pomeriggio, con l’annuale visita dal medico che segue il solito check-up dove mi rivoltano come un calzino nello spazio di una mattinata. “Tutto direbbe che lei sia un atleta, in piena forma, tranne il suo peso. Lei dovrebbe cambiar vita. Non sembra ci siano problemi di alimentazione è solo che … beh, lei è un bel carico”. No, non è una distrazione, ha detto “obeso“, “peso” (2 volte) e “carico” nello spazio di due frasi.

Si, adesso mi metto a vivere in modo sano: faccio sport tutti i giorni, adotto uno stile di vita regolare e rimango sullo stesso fuso orario almeno per un mese di fila, esco con Jessica Stam, metto al mondo 32 coppie di gemelli, e affronto in totale serenità i prossimi 108 anni della mia vita. Cazzo non sarebbe male.

Ometto di dire al medico che qualcuno vorrebbe che io passassi i prossimi due anni in Arabia Saudita per non rompergli il sogno di redimere la mia adipe. Evito anche di comunicargli che ho intenzione di stapparmi una birra appena arrivo a casa e conciliare il palato dopo una giornata non particolarmente pesa ma che comunque ha lasciato qualche tacca di occhiaia.

Facciamo un rewind: stamani ho aperto gli occhi ad un’ora in cui molte persone vanno a dormire, complice il fatto che la sera prima ero collassato prima di Carosello e praticamente la pascolata serale di Beria è stata fatta in puro sonnambulismo (non ho ricordi). Sono apparso per il caffè con Franco (ex-discografico, adesso maturo maratoneta, ne macina una cinquantina all’anno) intorno alle 6:30am che per me era già primo pomeriggio praticamente e il rendimento agonistico ne ha risentito.

In palestra, quando ho saputo che era il compleanno delle Mariagrazia, non ho potuto far di meglio che offrirle una mezzora del Mau al cazzeggio, discorrendo amabilmente di pesi, esercizi e tuberi mentre lei tentava di allenarsi seriamente. Dopo mezzora sono stato cacciato con ignominia per disturbo della sudata pubblica.

Oggi in ufficio la connessione faceva le bizze: momento topico è stata leggere la 172a email di una discussione tra un indiano e un arabo sull’arte della comunicazione. Peccato che il flyer avesse poi le sembianze del Calendario Pirelli e nessuno ne valutava il fatto che, in terra di Sunniti, questo non avrebbe certo stimolato il loro sense of humor. Si, lo so, errare umanum … ma cazzo però!

Il flash di positività del lunch (con Jessica Stam) è stato poi rabbuiato da alcune call sulla cui utilità non sono pronto a fare azzardi.

Ho avuto modo di trattare qualcosa sulla Syria (vedi http://wp.me/pxAN5-8j): dovremmo tutti riuscire a fare qualcosa di più per aiutare quella gente.

Oggi non ho scattato alcuna immagine: vado però a rispolverare una foto che ho fatto a Singapore qualche mese fà … om guys, om-mani-padme-um …

2 commenti

  1. Benedetto · · Rispondi

    Prima di iniziare a uscire con Jessica Stam, dovresti prendere in seria considerazione una vasectomia. Giusto per non rovinare la serenità dei successivi 108 anni 🙂

    1. Sei, come al solito, voce di veritá!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: