On a dark desert highway, cool wind in my hair” così attacca una canzone immortale degli Eagles, Hotel California, “Warm smell of colitas, rising up through the air, Up ahead in the distance, I saw shimmering light“.

Si, è quasi incredibile cosa possa fare l’immaginazione poetica: la sto cantando a squarciagola, più stonato di una vecchia iguana (notoriamente l’animale è completamente muto, se si esclude il rumore della sua lingua tattile). Sto percorrendo una autostrada a 8 corsie per lato, la Dubai ByPass, che ti fa tagliare un pezzo del vecchio percorso per Hatta e rientra nell’emirato da sud-ovest.

In una buia strada nel deserto“, qui ci sono lampioni fotovoltaici che stanno illuminando a giorno la scena, tanto che sembra di essere in “2001 A Space Odyssey“, film del 1968 del grandissimo Stanley Kubrick, quando viene scoperto il monolito sepolto sulla Luna.

Vento freddo tra i capelli“. Beh, non penso ci fosse un riferimento al condizionatore che ho selezionato su “Arcipelago Gulag” o una sottile ironia sul fatto che, radendomi almeno 2 volte alla settimana, i “capelli” che sto cantando, sono millimetrici peli che spuntano dalla pelata.

Profumo caldo di colitas“. Oh cazzo, qui si son sprecati gli esegeti: cosa sono le “colitas”? La tentazione è forte di darvi la facile spiegazione che sia la messicanizzazione di “colite” e che la strofa significhi “Profumo caldo di scoreggie che salgono nell’aria“, massacrando la poesia di una delle più belle canzoni rock che siano mai state scritte.

Tranquilli, le “colitas” sono, in slang, dei fiori che crescono nel deserto della South-California e anche nel Estado Libre y Soberano de Baja California. Si, ma qui l’unico profumo che sento sono solo gli scarichi di centinaia di autoveicoli che ho accanto.

Laggiù, in lontananza, vedo luci tremolanti“: bah, mi sembra più l’ago del Burji Kalifa che inietta verso il celo la sua presenza. 832 metri di siringa. Son quasi arrivato, ma il ritornello non me lo perdo:

Welcome to the Hotel California
Such a lovely place (Such a lovely place)
Such a lovely face
Plenty of room at the Hotel California
Any time of year (Any time of year)
You can find it here

Qualche anno fa stavo guidando sulla HW101, tra la città degli Angeli e ‘Cisco. Mi sono fermato a Big Sur per leggere qualche pagina dello splendido libro del 1962 di Jack Kerouac e ho scattato questa immagine.

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

2 Comment on “Hotel (California) United Arab Emirates

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: