Decision speed” o “punto di non ritorno” nel gergo comune è il limite oltre il quale un aereo in fase di decollo deve proseguire con la manovra di rotazione e salire in aria perché non avrebbe più lo spazio e la capacità di potersi arrestare.

Si presuppone anche che, prima di quel limite, l’aereo abbia raggiunto la velocità necessaria a garantire portanza e, anche nel caso di cedimento di uno dei motori, riesca a stare in aria. Gran bella cosa la fisica, eh?

Adesso potrei, con questo incipit, sollazzarvi con la storia dei paradossi e delle rivoluzioni nell’evoluzione delle teorie della fisica, nella meccanica e nella dinamica. Potrei raccontarvi cosa è cambiato dall’idea di Aristotele (che pensava ci fosse un primo movente immobile, usa sorta di grosso motore diesel che faceva girare tutti i cieli ad ingranaggi), a quella di Newton (che chiacchiera del fatto che i corpi si attraggono – “gravitazione universale” – e questo ha dato il via all’industria del porno). Potrei poi atterrare sullo scompigliato Einstein con la sua semplicissima equazione integrale che definisce l’energia come la massa moltiplicata per il quadrato della velocità della luce.

Son quasi a 20mila contatti: evito l’argomento pedagogico per non perderli tutti.

Vi racconto invece della mia “decision speed” di oggi.

Ho ripetuto, parlando con un americano in eccellente inglese, 6 volte lo stesso concetto, farcendolo di esempi, di semplificazioni, di banalizzazioni, di ripetizioni, di controlli frase-dopo-frase-hai-capito-e-fino-qui-ci-siamo, di vuoi-che-te-lo-scrivo-cosi-lo-leggi-anche-al-cesso. Son stato al telefono con lui 78 minuti. E aggiungo che, a mio avviso, l’argomento era veramente semplice.

Esattamente al 79’15” ho raggiunto la mia “decision speed“. Ho visto rosso. Ho affondato il comando dei motori dialettici, ho tirato indietro la cloche dell’atteggiamento professionale e con la calma serafica di un facocero che decolla gli ho chiesto “Adesso dobbiamo chiarirla sta cosa, se mi stai prendendo per il culo, sei proprio scemo o c’è una macchia di disonestà nel tuo approccio“.

Mi ha chiesto “Why are you taking this personally?“. Senza speranza. Ovvio che mi metteranno nuovamente in castigo ….

Foro di oggi? ho avuto la bella idea, un paio di settimane fa, di portarmi Beria (il mio cane) in un trekking in quota: ovvio abbia nevicato, ovvio la temperatura sia scesa molto sotto lo zero (abbiamo dormito a -16c), ovvio che Beria (con un’aria da ghiacciolo peloso) mi abbia guardato con un’espressione tipo “Tu si che hai VERAMENTE idee del cazzo“.

La mattina mi sono alzato e ho scattato qualche immagine ….

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

2 Comment on “Decision speed

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: