L’11 Agosto del 1956, a soli 44 anni, Paul Jackson Pollock moriva in un incidente stradale causato dal essere alla guida completamente ubriaco: l’alcolismo ha accompagnato tutta la sua esistenza e i suoi detrattori contemporanei ritenevano che la sua tecnica del “drip painting” fosse in realtà originata dalle gocce di whisky che faceva cadere dal bicchiere tenuto con mano malferma, passando sbronzo buona parte delle sue giornate.

La tecnica del “drip” (“colare”) è stata recepita e poi fortemente sviluppata da Pollock tra il 1936 e il 1940, momento nel quale ha cominciato a lavorare alle sue tele stendendole in terra e letteralmente camminando nel dipinto. Innovatore e sanguigno, raggiunge una fama tale che Life, in un famoso articolo del 1950, lo propone come il più grande e influente artista americano contemporaneo. La tela viene vista come una realtà nella quale l’individuo si immerge, in una totale libertà creativa: lui e altri hanno fatto scuola. La si chiama “La scuola di New York”, e ha influenzato l’arte mondiale.

Pollock è anche firmatario, con altri 18 artisti (The Irascibles) di una famosa lettera al Direttore del Metropolitan Museum of Art, polemizzando per la scarsa attenzione destinata alla pittura contemporanea e le lesive dichiarazioni di alcuni dei curatori delle mostre sull’arte contemporanea. 18 incazzati, insomma.

Un buon numero dei lavori della Scuola di New York sono a Milano, a Palazzo Reale: mostra da visitare!

Foto di oggi? Beh, uno scorcio della locandina della mostra di Palazzo Reale e una foto che ho scattato a Monica e Stefano dentro il Museum of Contemporary Art Chicago, un po’ di anni fa, durante proprio una esibizione speciale dedicata a Pollock. Si, lo so, il quadro dietro di loro non è suo, ma di ….

poll chicago

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

4 Comment on “Gli Irascibili

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: