C’è stato un periodo in cui mi guadagnavo il viatico, o almeno lo integravo, tenendo corsi e conferenze: da proto-guru di provincia parlavo di “accelerazione della storia“, di “ISOO Companies, ‘In Search Of Opportunities’ per servizi e mercati non convenzionali“, di “pensare diverso e creativo“. Erano gli anni ’80.

Penso di aver anticipato and Jobs, nel dire “fate nuove cazzate tutti i giorni, ma mai due volte la stessa cazzata, e soprattutto adesso andiamo a pranzo che mi è venuto un appetito troio a forza di parlare“: pari pari al suo “stay foolish, stay hungry“, ovvio!

Una delle minchiate che sostenevo è che il cambiamento avrebbe compresso le fasi storiche/sociali (“accelerazione della storia”), e che la tecnologia avrebbe giocato un ruolo predominante nel mercato come principale veicolo di interazione tra servizi e consumatori, con una rincorsa alla novità sia sull’hardware che nel software, offrendo processi che avrebbero costantemente potuto innovare le relazioni a livello globale. Devo dire che un filo ci ho beccato.

La dimostrazione mi è venuta da un cleanup che ho affrontato nel cassetto dei “rifiuti elettronici” dove inabisso i gingilli che non uso più, e alimentatori, cavi di collegamento e altri accessori di cui, per buona parte, ho totalmente ignorato uso e funzionalità.

Ho raccattato un paio di Blackberry di differenti generazioni, dei Nokia d’annata compreso il mattone della serie 9000. Un numero imprecisato di Motorola, due secchiate di blue-tooth, risalenti al periodo nel quale per stabilire un collegamento dovevi appellarti alla Sacra Rota. Un telefono-skype, con tanto di tastiera. Un bolo informe di alimentatori per le più disparate apparecchiature e con i più disparati connettori. Verso il fondo ho trovato addirittura 3 Palm, i primi palmari incredibilmente innovativi poi spazzati via dall’innovazione stessa che avevano generato.

Ho fatto tre sacchi della spesa, ho dato alla Cami un diritto di prelazione per regalare un po’ di roba a suoi amici e compagni di università e poi ho rovesciato il tutto nella discarica rifiuti speciali. Roba che anche solo 15 anni fa era “leading edge of technology“, oggi è spazzatura.

Foto? Qualcosa che una volta era tecnologia avanzata, e adesso è in attesa di restauro …

cose vecchie 1 cose vecchie 2

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

8 Comment on “Accelerazione del consumo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: