Lo so, lo so, sono stato latitante in questi giorni: un filo per il lavoro, un filo perché ogni tanto mi stufo anche di raccontarmela sul blog, ma poi arrivano gli amici a preoccuparsi e a rimproverarmi gentilmente e riparto a pestare sulla tastiera.

Dunque, facciamo un veloce re-cap sull’argomento saliente dell’ultima decina di giorni.

Ho aspettato che un legale aspettasse che il vice-ministro di uno stato aspettasse che il suo ministro prendesse una decisione: è stata un’attesa al cubo praticamente, dove tutte le possibili permutazioni di un insieme di tre elementi sono state combinate con i periodi di Eid, ferie assortite e assenza generica dei tre soggetti sopracitati. Bene.

Prima era in ferie l’avvocato e a questo è stato facile rimediare, spiegandogli con cortesia che avevo urgenza di ottenere una risposta per indirizzare l’organizzazione dell’attività dell’azienda che mi paga la pagnotta. Quando l’ho beccato (attraverso un altro avvocato, che stava per andare in ferie) si è subito attivato, ma il vice-ministro era assente per i giorni dell’Eid al termine del Ramadan e non valeva la pena di scrivergli, tanto ci si sarebbe confusi tra le decine di mail, negli aspettare tornasse in ufficio. Bene.

Terminata l’Eid, il vice-ministro ha ricevuto la richiesta da sottoporre al ministro, ma questo aveva deciso di prendersi una settimana di vacanza da attaccare ai giorni di celebrazione mussulmana: tutto spostato avanti di una settimana quindi. Bene.

Mi segnalano che il ministro è tornato, ma il vice-ministro ha deciso di concedersi qualche giorno di ferie al termine di un viaggio di lavoro, quindi non può seguire la pratica che, in queste parti del mondo, è rigidamente relazionale e non può essere assegnata ad un semplice e banale processo di richiesta. Bene.

Come so mi succede, a questo punto comincio a parlare da solo, e al termine di una compassata conference call dove mi si aggiorna sul fatto di chi sia in ferie, di chi sia tornato e stia per andarci, di chi non c’è stato e di chi non risponde ai nostri quesiti, aggancio il ricevitore: beh, visto che tutte le comunicazioni sono attraverso un sicuro VOIP, clikko sul tasto “end conversation”, e do’ fuori di matto sostenendo che mi stanno sul cazzo le ferie. Bene.

Anzi, bene per un cazzo proprio.

Foto? Qualche immagine scattata su pellicola a 400 ISO, a spasso per Genova un paio di settimane fa.

Genova ok Kodak 400 ISO film  6 Genova ok Kodak 400 ISO film  1

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

14 Comment on “Lo so, lo so

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: