Veils of Genoa

Quando ho conosciuto Franco Pagetti, grazie all’amico Ryu e Leica Italia che hanno organizzato una gran bella serata con lui, sono rimasto colpito dai suoi “Veils of Aleppo”, fotografati in Syria per Times (vedi qui il link): colpito perché avevo visto di persona la stessa cosa, sia nelle stesse zone anche se in tempi e contesti differenti, sia più a sud, in Libano durante una delle sue guerre, e anche nei reportage da Sarajevo.

Franco è riuscito a realizzare delle immagini incredibili e a influenzarmi in alcuni scatti che sto riprendendo mentre cammino per la Città Vecchia e i veli, fortunatamente, non servono a impedire ai cecchini la vista dei bersagli ma sono bucati stesi ad asciugare o protezioni contro il sole nei giardini dei giochi.

Foto? Ovvio, Veils of Genoa …

genova 200914 2

genova 16082014 3 genova 200914 b 2

14 commenti

  1. Buona domenica Maurizio e buon caffè se non l’hai ancora bevuto. Io mi sono appena alzata dal tavolo rosso di cucina: ho fatto colazione con il bifidus actiregularis (si scrive così?) biscotti e tre noci sminuzzate all’interno della pappina, bevuto il mio Lavazza crema e aroma i ncialda fatto con la macchinetta del bar e arrivo qua in camera, al computer con il regalo delle tue foto sorprendenti ed incantevoli di Genova. Dovrò visitarla a breve, prima non m’incuriosiva come città , ma ora vedendo le fotografie, penso che vi farò visita molto presto. Non dista molto da Reggio Emilia. Ti auguro una serena e dolce domenica a te e anche a Beria. Fabiana.

  2. Notevoli le foto di Pagetti…
    Per fortuna le tue genovesi risuonano di tutt’altra vita! Come al solito, molto belle… (e in notturna sempre a mano senza appoggi :-O ?)

    1. 🙂 sempre a mano e senza appoggi: l’ultima volta che ho usato il cavalletto stavo dando l’esame di Filosofia Antica, fai tu ….

  3. Foto molto belle: mi piacciono molto i panni stesi nei vicoli, sembrano decorazioni (anche a Venezia fanno così).
    Le foto di Pagetti sono altrettanto belle e riescono a raccontare l’angoscia.
    Stesso oggetto, vite diverse.
    Buona domenica 🙂

    1. Buona domenica anche a te: sono in giro a fotografare panni stesi, questo pomeriggio “bonus post” di biancheria al vento ….

      1. Aspetto fiduciosa: i panni al vento mi mettono allegria 🙂

  4. Belle foto. Le prime due mi piacciono in modo particolare. Molto bello anche il campanile che si vede dietro i teli bianchi e azzurri. Le foto di Aleppo invece mi hanno messo una gran tristezza. E’ importante che vengano fatte e divulgate, ma vedere una città com’era Aleppo, ridotta in quelle condizioni e pensare che quei teli servono a far sopravvivere le persone invece di raccontare di una tranquilla vita quotidiana, fa male. Grazie comunque per il link. Buona domenica Mau

  5. Per una pubblicità cosi il Comune dovrebbe pagarti… 🙂

  6. Come ben sai sono anni che fotografo i panni stesi nei caruggi di Genova, non a caso si tratta di uno dei temi ricorrenti del mio blog, vedo che anche a te è venuta voglia di fare lo stesso.

    1. È un tema ricorrente per molti artisti, cara Miss, da Pelizza da Volpedo a Robert Capa per citarne un paio: siamo in buona compagnia, non trovi?

      1. Sinceramente, Maurizio, trovo piuttosto ardito paragonarsi a Capa o a Pelizza da Volpedo. Buona serata,

      2. Sono certo tu abbia compreso l’ironia della mia risposta, cara amica. Buona serata anche a te 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: