Udon

Talvolta mi sembra di viaggiare in una dimensione parallela, dove le nozioni di spazio e tempo si perdono, e la luce, invece di offrire, con la sua velocità, una costante di riferimento, si piega come un eccellente Barbaresco nel bicchiere, e ruotando sprigiona il suo profumo.

Si, perché la luce ha un suo odore. E quando poi la fai passare attraverso un vetro Summilux, diventa un qualcosa di personale ed emozionale, un qualcosa che va raccontato.

Ieri notte ho dormito a diecimila metri d’altezza, rimpallando dalla penisola Arabica, attraversando il Continente Indiano, sopra un Golfo del Bengala che ha fatto di tutto per far vomitare buona parte dei miei compagni di viaggio, per poi scendere nel corridoio del Mare delle Andamane, fino a posare i piedi nell’efficienza della Città Stato di Singapore.

Poi è stato il solito rito: doccia, lavoro, mezz’ora di nuoto, lavoro ancora per un’altra ora. Son quasi le 9 di sera, ho voglia di mangiare qualcosa: mi incammino dalle parti di Arab Street, ed evito la tentazione di una nabucodonosor di Tiger Beer.

L’udon sono dei noodle grossi e spessi, una sorta di tagliatelle cicciottelle, con un brodo che mi pare si chiami Kake-Jiru, ma l’ultima volta che ero in Giappone, a fine Aprile, non ho fatto esercizi di pronuncia. Ne prendo una ciotola, e mi aggiungono dei cipollotti, dei funghi, qualche pezzo di tofu e un po’ di carne di manzo sfilacciata.

Un gran buon profumo, come quello della luce che sento attorno. Il sapore è quello di cui avevo bisogno: è calmo. Si perchè come la luce ha un odore, il sapore ha degli stati emozionali.

Ci aggiungo un bicchiere di macha green tea, che sembra un frullato di prato all’inglese, e anche il sapore non se ne discosta molto.

Il posto è piccolo, tranquillo: sembra una trasposizione orientale, aggiornata, del quadro Night Hawks di Hopper.

Ho in mano la Signora Tedesca a Telemetro, e lascio sia lei a raccontare il resto.

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

4 Comment on “Udon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: