Vado a Bugis, nel negozio della M1 (neo operatore telefonico, low cost), a raccattare una e-sim: una roba geniale per i vagabondi planetari. Praticamente aggiungi (elettronicamente, senza nessun pezzo di ferraglia addizionale) una seconda (o più) linee al tuo telefono, e riesci a gestire con quale operatore fare o ricevere telefonate e con quale utilizzare le linee dati: una manna per chi, come me, non vuole andare in giro con tre o quattro telefoni.

Al costo di S$12.50 (poco più di 8 euro) ho per una settimana 100GB di dati, chiamate locali e sms illimitati, e 20 minuti di chiamate internazionali anche verso Saturno, e continuo a ricevere telefonate sia sul mio numero normale, sia sul numero di Singapore. Attivazione, 5 secondi netti. Complessità? Bere un caffè è più complicato.

Ovvio non abbia voluto andare da solo, e ho preso per mano la Signora Tedesca a Telemetro, dopo essere passato dall’ostello a smettere i panni da prima comunione per transitare su braghe corte e ciabatte Kodachrome.

Bugis è un caleidoscopio di colori durante il giorno. La sera diventa un’esperienza lisergica: mancano solo gli Electric Prunes a cantare Kyrie Eleinson e poi abbiamo ripercorso lo sperimentalismo chimico della seconda metà degli anni ’60 in pieno.

Buffo fosse stato, fino poco dopo il termine della seconda guerra mondiale, nel 1950, un’area di fiorente prostituzione giapponese, per poi invece, complice un intervento radicale di trasformazione per combattere un focolaio di colera, cedere la fama alla più alta densità di travestiti asiatici.

Al termine degli anni ’80 un paio di mall e la Junction Shopping Center hanno trasformato l’area ancora, rendendola quella che vediamo oggi: un misto tra brand abbordabili e paccottaglia da $2. Si, c’è ancora qualche signorina che, nel rispetto della tradizione, ti ammicca chiedendoti se vuoi un massaggio per $50, ma verrà spazzata via da magliette e succhi di frutta psichedelici.

Foto? La Signora M10 e il suo vetro Summilux 35mm

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

2 Comment on “Caleidoscopio, e-sim e antichi bordelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: