Primo messaggio della Cami da Sydney: “Porca puttanina, sono dall’altra parte del mondo e non c’è un cazzo di nessuno che è venuto a prendermi“. Sarebbe completamente inutile farle un esame del DNA per confermare la paternità, il suo linguaggio la identifica perfettamente come figlia mia.

Mi è anche arrivata una foto che Jo le ha scattato questo tardo pomeriggio (gran cosa i fusi orari, eh? come se fosse scattata nel futuro) a Bondi Beach, dopo essere passata in pellegrinaggio al Fish Market dove gli spacciatori di Sydney Rock Oysters si ricordano di me con appellativi tipo “Il Cliente Del Decennio” o “Mau 36-dozens“.

L’altro ieri ho lavorato da casa e da “carbon foot-print consciuos dude” ho fatto la scelta politica di non accendere l’aria condizionata. Con tecnica da “candela di Leonardo” (il geniale sistema di antifurto ideato dal ragazzo Da Vinci), ho creato una corrente d’aria che si insinuava dalla finestra della cucina verso il salotto, percorrendo il corridoio e incuneandosi fuori dalla finestra del bagno e da quella della camera da letto.

Da come ve l’ho descritto vi aspettereste un flusso d’aria che fa svolazzare pure il Teorema Di Bernoulli, eh?  Come? Non conoscete il banale teorema di Bernoulli e osate comunque continuare a usare le bocchette dell’aria condizionata in auto?

Cito da Wiki: “L’equazione rappresenta matematicamente il principio di Bernoulli (o effetto Bernoulli) che descrive il fenomeno per cui in un fluido ideale su cui non viene applicato un lavoro, per ogni incremento della velocità si ha simultaneamente una diminuzione della pressione o un cambiamento nell’ energia potenziale gravitazionale del fluido. Prende il nome dello scienziato svizzero Daniel Bernoulli (17001782), nonostante fosse già noto in precedenza ad altri studiosi, fra cui Eulero“.

Traduco in Vagnozzese: se si tenta di incanalare una roba in un percorso, velocità e pressione si modificano a seconda dell’ampiezza del pertugio. No, non è un riferimento porno-maialesco: smettetela di pensar male ogni volta.

Comunque la teoria si è scentrata contro la realtà e senza il beneficio dell’airbag. Non si muoveva una foglia. Caldo troio. Intorno alle 14:30 Beria si è avvicinata alla mia sedia e mi ha guardato con la profonda intensità di cui solo un cane è capace. Poi ha comunicato con me …..

“Oh tu umano-padrone-grosso, perchè cazzo non accendi la macchina magica che fa inverno dentro casa? Io ho una pelliccia che manco da Annabella a Pavia la vendono e ormai la lingua mi penzola fin oltre la coda. Tu, umano-padrone-grosso, hai spesso idee del cazzo, ma questa è la peggiore del mese.” [traduzione dal canide pastorese tedesco].

Attaccato i 4 motori dell’ababtitore di temperatura. Attivato i cannoni da ghiaccio. In mezz’ora l’energia consumata poteva alimentare Bopal per 4 mesi. Temperatura in casa a 16°c. Beria felice.

Ovvio che la foto di oggi siano le Sydney Rock Oysters: l’immagine è esattamente di un anno fà …

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: