L’altro ieri stavo guidando i 160km di traffico a 6 corsie che separano Abu Dhabi da Dubai: il giovedì pomeriggio è un continuum spazio-temporale di autovetture distanziate di pochi metri. Non hai spazio nè davanti, nè sulla corsia opposta, nè dietro. Guida difficile e altissima percentuale di incidenti vista la quasi totale assenza di distanze di sicurezza.

Mi si pianta dietro, letteralmente a centimetri dalla mia autovettura, un colossale suv guidato da un locale. Vedo dallo specchietto retrovisore che ha in una mano un cellulare con cui sta parlando e scherzando con l’interlocutore. A fianco una bambina, in piedi sul sedile, senza cintura di sicurezza, sta giocando con una bambola vicino al parabrezza. Avrei potuto distinguere particolari come le ali dei moscerini spiaccicati sulla grata del radiatore tanto era vicino.

Mi punta fari addosso e simula ripetutamente un tamponamento arrivandomi dietro in piena velocità e poi frenando di colpo a pochi centimetri. Non posso dargli strada, non ho lo spazio per immettermi nella corsia di destra per il traffico.

Taglia la strada ad un’altra autovettura, mi sorpassa a destra, mi si mette davanti e inchioda per farmi andare addosso. Freno e mantengo una minima distanza che mi consanta di reagire in tempi utili. Rifà il giochetto criminale della frenata a 100 all’ora e ogni volta lo evito, rischiando però di farmi tamponare dietro. Poi si stufa e ricomincia esattamente lo stesso gioco con la macchina che adesso ha davanti, e poi ancora con quella successiva. Vista la densità di traffico lo posso seguire e vedere ripetere questo suo criminale e arrogante comportamento almeno altre 5 volte.

All’altezza della Mall of The Emirates un incidente blocca la corsia più a sinistra e sfilo qualche decina di autovetture fino a fermarmi a fianco di un grosso suv. Quello di prima. L’idiota fuma, parla al telefono e distrattamente gioca con la bambina, sempre in piedi sul sedile anteriore.

Mi chiedo seriamente se valga la pena di fare un gesto umanitario: scendere dall’auto, aprirgli lo sportello, tirarlo giù dalla macchina e massacrargli la faccia a cazzotti. Spaccargli il setto nasale sbattendolo contro il paraurti lasciandolo lì a terra sull’asfalto bollente per poi sparargli due calci nelle costole e uno nei coglioni.

L’unica cosa che mi trattiene è il fatto che verrei arrestato, tradotto in carcere dove non sono accomodanti con gli stranieri che (a torto o a ragione) entrano in dispute con i locali e infine (dopo aver scontato la condanna), deportato. Mi vedo in “Midnight Express” (“Fuga di mezzanotte“, 1978 con Brad Davis, film drammaticamente vero) e, onestamente, non ho voglia di passare tutto quell’incubo in una prigione nel mezzo del deserto.

Credetemi, è l’unica cosa che trattiene il mio forzato pacifismo dall’essere svegliato dalla sopita violenza sempre presente e all’erta. Non vale la pena di finire in galera per un gran coglione arrogante.

L’immagine di oggi è il mio “late lunch” intorno alle 16, all’aeroporto di Riyadh: potete distinguere le sane pietanze, l’ottimo servizio, la fantastica igiene e la lettura rilassante.

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

4 Comment on “Arroganza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: