Voi non avete idea di cosa io abbia passato in questi ultimi 10 anni: italiano, sincero democratico con fortissime inclinazioni politicamente purpuree, vivo la maggior parte del mio tempo all’estero e, ogni giorno qualcuno mi chiede come sia possibile che noi italiani ci si faccia governare da Berlusconi.

In questi giorni poi, forti della risonanza internazionale dei messaggi “ve la state cavando per il rotto della cuffia” che son seguiti all’annuncio dell’intenzione di (forse) cavarsi dall’organo riproduttivo, le domande si sono intensificate.

Non entro negli squallidi dettagli di abitudini private (censurabili) che sono state elevate a criteri di selezione della classe politica o in esternazioni economiste degne di follie dittatoriali, ma, vi garantisco, ho pronto un gran bottiglione di Dom per festeggiare la parola “dimissioni” e ringraziare un Napolitano che è stato gran signore (oltre che garante di una ormai fragile democrazia) in questi anni.

La pianto qui, che non ho la stoffa del commentatore politico.

Sono sempre in Portogallo e ho passato, come di consueto, la mia giornata in un paradosso spazio-temporale rappresentato da una sala riunioni: domani dovrei avere una giornata di aria e, tempo del cazzo permettendo, vado a fare due foto e celebro la luce di Lisbona.

Nel tentativo di digerire un piatto di bachalao con cipolle mangiato oggi a pranzo sto sparandomi un civile bicchiere birra per prepararmi poi ad essere pascolato a cena nella città vecchia. Ho un alito che potrebbe schifare anche Beria ma ormai ho lanciato l’anima oltre l’ostacolo e tento tutte le varianti del baccalà che riesco ad assaggiare.

Ovvio che non abbia scattato manco un’immagine oggi: vi offro quindi la foto fatta in Marzo a Hobart (Tasmania) … che serva da indicazione per il cavaliere verso l’esilio?

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

4 Comment on “Dom è freddo al punto giusto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: