Si, lo so. Sono stato più latitante degli amici del nostro ex-presidente del Consiglio nell’ultimo mese. Ho cercato varie scuse: lo schiavismo professionale, l’esperienza South-Africana, la fascite plantare, la creatività in stallo, il lavoro alla pubblicazione cartacea delle mie farneticazioni.

La verità è che non avevo un cazzo di voglia di scrivere, malgrado le opportunità mi si offrissero sculettando nella mente e nell’esperienza quotidiana. Succede. Non me ne vogliate.

Vediamo di mettere ordine nelle ultime settimane e di darvi qualche aggiornamento, che poi svilupperò in una serie di dettagliati racconti.

1. Ho passato una settimana in Mozambique, facendo lo slalom a Maputo in una diffusa presenza di armi da guerra agli incroci: lí se non hai un kalashnikov appeso alla schiena vuol dire che ne hai uno puntato davanti. Chiaro tutti preferiscano la prima opzione alla seconda.

Non ho incontrato manco un obeso: segno che la fame è ancora brutta da quelle parti. Una diffusione capillare di mine nel 25% del suo territorio, un salario medio mensile inferiore ai $30, un crocevia del commercio di organi, di schiavi, di droga e di armi, HIV e malaria endemiche (per motivi differenti, ovvio), fanno del paese una mia tipica destinazione.

Mancava solo l’acquazzone tropicale con allagamenti e inondazioni? Tranquilli, è arrivato al terzo giorno. Puttana miseria.

2. La Cami è rientrata da Sydney poco prima di Natale. Sono andata a raccattarla a Malpensa, alle 5 di mattina, dove è atterrata via Singapore. Ha chiesto una birra appena arrivata, sostenendo che per 6 mesi non aveva mai avvicinato le labbra ad alcuna bevanda alchoolica in piena ottemperanza della legislazione locale sui minorenni. Riesce a mentire anche a Perry Mason (serie televisiva antesignana di minchiate legal-thriller attuali).

3. Forte della sensazione di pressione sull’adipe (ormai uso cinture di 172cm) ho acquistato una bilancia ultra-techno: appena sali non solo ti comunica il peso, la massa grassa, il BMI, ma condivide con tutte le tue amenità e ammennicoli elettronici l’informazione, facendo della tua privacy lo stesso uso che Giulio Cesare faceva dei dadi quando passava il Rubicone.

Ho quindi scoperto di aver sforato i 122kg e, di drammatica conseguenza, ho impostato un regime alimentare pari alla somma delle ultime 32 leggi finanziarie: son 2 settimane che non apro una birra e sento, in cantina, il pianto sommesso di qualche cartone di bottiglie delle Tenute Collesi. Ho deciso di concedermi uno strappo solo a fine Gennaio, ma non sono certo di avere la forza di volontá sufficiente.

4. La verifica alla pesata ha prodotto una serie di danni collaterali, incrementati dalle abbuffate del periodo festivo al cui confronto i Baccanalia di Lucrezio sembrano partite di sudoku.

Ho deciso di abolire il cenone di fine d’anno (che, tra l’altro, odio in modo viscerale) e ho proposto a qualche amico “andiamo da Peck e compriamo un paio di cose cosí ceniamo assieme ed evitiamo di farci pelare da un ristorante“.

Sono stato nell’infausta “rosticceria della nobiltà” a due passi dal Duomo. Mi hanno piegato la carta di credito con indifferenza. Pelata storica.

5. Sono quasi in partenza per un pellegrinaggio nel paese delle consonanti: visto il periodo, se rimango bloccato da una bella crisi nello stretto di Hormuz riusciroò ad articolare delle imprecazioni semi-astrali.

Mi fermo: ho cinque punti su cui vi aggiorno da domani in poi. Vi lascio con un’immagine che ho scattato a Maputo .. stay tuned!

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: