La proposta di Gigi è arrivata intorno alle 14: “Ma come, non vieni con me e Osama a mangiare qualcosa?“, e falsamente ha aggiunto “Un’insalata magari“. E io mi son lasciato tentare: un break, dopo avre lavorato da quando sono atterrato stamane, si imponeva.

Saliamo in auto con Osama e si comincia uno slalom nelle vie secondarie di Riyadh in direzione sud: riserbo totale sulla destinazione.

Finalmente si parcheggia davanti a un interessante cartello che diceva “Vietato il Parcheggio, specialemnte agli inquilini di questo stabile“. L’interpretazione logica data all’avviso è stata quella che, non essendo nessuno di noi tre inquilino dello stabile, potevamo sentirci meno vincolati dal divieto e quindi, senza fare manco una piega ci siamo avviati verso il locale dove il buon Osama ci ha voluto far mangiare.

Qui abbiamo fatto un salto spazio-temporale dove però qualcosa è andato storto nel processo di smaterializzazione e ricomposizione della realtà: arredo, colori, pubblicità, cibi, bevande, tutti ci ha riportato ad American Graffiti o alla serie Happy Days. I tipici divanetti rossi, i tavoli cromati, la pubblicità dei milk shakes e della fountain Coca-Cola: mancava solo il juke-box e Fonzies che pronunciava un impagabile “Hey“?

No, a rendere il tutto un po’ inverosibile era il fatto che solo io e Gigi eravamo in abiti “occidentali” mentre tutti gli avventori indossavano la tradizionale tunica araba con regolare copricapo. Un po’ come vedere Tarzan con bombetta, tight e ombrello, Charlie Chapling con un costume da Uomo Ragno o Calderoli che dice qualcosa di sensato: insomma, siamo entrati in un pieno paradosso spazio-culturale.

Per nulla scoraggiati, si recupera l’ardimento e arrivano cameriere e menù. Il cameriere (filippino, vedi un altro post sull’argomento a questo link) tentava di impersionare con poco successo le frizzanti cameriere dei “diners“: non commento perchè sono un signore e il post è in fascia protetta.

Osama ci suggerisce l’hamburger “Huston“: trita scelta, cheese e una pesante dose di Jalapeño, il buon peperoncino (verde) originario del centro-america. In rispetto alla via vocazione dietista salto l’antipasto salutista dove si propongono fried onion rings, fried chips e altre pietanze simili, mentre Gigi con tranquillità ordina un piatto di fagioli.

Il cameriere ci disegna nei piatti delle faccine sorridenti con il ketchup: sono troppo stanco per reagire, ma temo l’inevitabile. Arriva un piatto di patatine fritte che (confesso) assaggio, puciandole nella mia faccina di ketchup, mentre Gigi si finisce un piatto di fagioli messicani con tanto di griglia di formaggio fuso sopra (non vorrei essere nel suo cesso domattina).

L’hamburger era eccellente, con quel giusto grado di piccanza che ti ritrovi con le stesse labbra a canotto di Alba Parietti.

La foto di oggi? Aprile 2007, sono con Cami a New York: dopo un giorno di neve esce il sole …

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: