Ieri sera ero bollito come un cinghiale nella salsa alla menta (“Poverino” – citazione da Asterix e i Britanni): ho superato le 18 ore di lavoro e mi son costretto a staccare tutto e andare a cena.

Girato un paio di blocchi sono entrato nel grande simil fast-food al piano terra della HongKong Plaza mall: decisione facile, hanno come buona parte dei ristoranti qui un menu fatto di immagini e riesco a scegliere cosa mangiare indicandolo con il dito e aggiungendo una descrizione in italiano, tanto o lo faccio in chinese o non gliene frega nulla a nessuno in che lingua mi esprimo.

Ho scelto i soia beans, dei simil-maki e un pezzo di manzo (dall’immagine) con noodles. Una birra.

Il cameriere prende gli ordini con una sorta di palmare simil Nokia prima generazione e poi ti porta il conto e lentamente i piatti che hai ordinato in ordine totalmente casuale, tanto poi nello stomaco si mescola tutto, no? Il casino è stato che uno dei piatti che ho ordinato non era disponibile. Bene. Quale?

Il pirla in divisa continuava a scuotere la testa e a parlarmi in chinese mentre io tentavo di capire che cosa non ci fosse, facendogli sfogliare un menù che pare la bibbia nella versione per apogeti con illustrazioni eclettico-alimentari. Manco per il culo del grande condottiero che hanche la sua effigie stampata su ogni banconota che mi ha dato retta.

Alla fine mi son arreso: “Hoyyy hu, nah shin sgi. Hopus Phocus. Tantooo vah la gatthe al lardhooo. La donzellettaah vien dalla champagiia“. Il tutto detto con aria molto seria. Ha annuito. Mi ha portato da mangiare. Mancavano i maki ma mi ha dato del sashimi di tonno.

Ancora qualche immagine scattata domenica e poi giuro che da domani cambio soggetto.

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

2 Comment on “Nothing More, Nothing Less

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: