Madiba si sta spegnendo, l’Arcobaleno si sta spegnendo. Nelson Mandela sta morendo. Il South Africa è un paese spettacolare, fatto di emozioni, di contrasti, di sensazioni e di sangue versato, di sogni e di differenze. Quello che Mandela è riuscito a realizzare è realmente incredibile.

Il giorno del suo rilascio, l’11 Febbraio del 1990 a Città del Capo, tenne il suo primo discorso dopo decenni passati in una cella. Inizia ringraziando tutti coloro che, attraverso la loro lotta, il loro sostegno, la loro pressione sono stati in grado di forzare il South Africa ad un cambiamento e all’abbandono dell’apartheid. Ma sono le parole che lo chiudono a provocarmi emozione anche dopo tutti questi anni, sono le stesse parole che pronunciò quando, nel 1964, un tribunale lo condannò alla prigionia:

I have fought against white domination and I have fought against black domination. I have cherished the ideal of a democratic and free society in which all persons live together in harmony and with equal opportunities. It is an ideal which I hope to live for and to achieve. But if needs be, it is an ideal for which I am prepared to die.

Ho visitato il South Africa forse una decina di volte, senza mai stancarmi di un nuovo entusiasmo. Uno dei viaggi più belli è stato quello che, partendo da Cape Town, mi ha portato sulla costa East, verso Port Elisabeth, fermandomi vicino a Knysna. L’accesso alla sua baia è uno dei più pericolosi al mondo, i Lloyds si rifiutano di assicurare le navi che tentano di attraversarlo. E poi il Tsitsikamma National Park dove le onde dell’oceano si infrangono e il plancton crea enormi bacini di schiuma.

Sono sceso sull’oceano e ho scattato la foto che vedere sotto: continuo a considerarla un quadro a olio e non un’immagine fotografica, ma è vera e sento ancora l’odore delle onde ogni volta che la guardo …

rainbow

 

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

4 Comment on “L’arcobaleno che si spegne

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: