Mi sono immaginato i responsabili marketing e media-relations della Barilla quando hanno sentito la gran cazzata che è scappata al loro capo, intervistato in radio sulla possibilità di usare una famiglia gay per i commercial della sua azienda. Me li son visti commettere atti di autolesionismo quali chiudersi i testicoli in un cassetto urlando “fatelo tacere per pietà“, piantarsi le unghie nei capelli e strapparseli vedendo un’etichettatura di omofobia velare il brand bianco rosso e blu per i secoli a venire.

Caso vuole che la stessa settimana nella quale Guido Barilla veniva intervistato e poi la rete si scatenava nelle migliori critiche e parodie (grandiosa quella di coppia di maccheroni, maccherone e farfalla e coppia di farfalle), io abbia concentrato l’intero volume annuale della mia vita sociale in due serate successive.

Una festa da Paolo e poi una cena da Marcelo e Marco, e in entrambi i casi ho scattato qualche foto mentre si chiacchierava, si mangiava bene e si beveva un bicchiere di vino. Il piacere dell’amicizia.

Paolo è gay. Marcelo e Marco sono sposati. Io sono eterosessuale. Non ci avrei nemmeno pensato se non fosse stato per la cazzata detta da Barilla che ha comunque guidato parte delle conversazioni. Non vedo tra noi differenze, diversità, distonie. Vedo una totale comune integrazione. Vedo gusti e preferenze differenti, che dovrebbero avere la stessa importanza attribuita alle preferenze alimentari o enologiche.

Temo però ci sia ancora un lungo viaggio prima di estirpare la radice dell’omofobia.

Qualche foto della serata, e nella prima mi sembra di intuire uno skyline newyorkese sullo sfondo: Milano Manhattan praticamente …

no omofobia 3 no omofobia 1 no omofobia 2

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

One Comment on “Milano Manhattan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: