Sono apparsi stamani alle 7:15, comunicando con il loro forte accento bergamasco intercalato da raffiche di “pota” e “ko’diu”. Sono apparsi sulla soglia di casa per rimuovere i sanitari dal bagno e martellare via tutte le piastrelle che si erano sollevate per una posa non “fatta a regola d’arte”.

Il più mingherlino ha delle mani il doppio delle mie e una struttura al cui confronto io, definito “marlble” (marmo) dalle palestrose fanciulle del Pollaio&C., potrei essere considerato “gracile”. Mi son quasi stupito usassero martelletto, punteruolo e raschietto: pensavo bastassero i loro cazzotti e due ditate a far venire giù tutto. Portano in mano i pacchi di piastrelle nuove come io potrei trasportare un mazzo di carte da briscola.

Efficienza totale, arrivano in squadra, fanno il lavoro seriamente e con coscienziosità, alle 12:00 precise staccano per il pranzo, ricominciano alle 13 quasi siano guidati da un orologio atomico. Sociali come orsi affetti da poderosa laringite cronica, comunicano tra loro in bassa frequenza (come i cetacei marini), su soglie non udibili da noi comuni mortali.

Ovvio che la Cami, malgrado fosse stata preparata psicologicamente, quando è apparsa alle 7:45 sulla soglia della sua camera, alluci assonnati e capelli che hanno combattuto lunghe battaglie, vedendo il traffico e il casino, mi abbia fulminato con uno sguardo che manco Stalin aveva durante le peggiori riunioni del Comintern.

Nota di costume e di politica: ho seguito il dibattito al Senato sulla fiducia al governo. Non nascondo la mia soddisfazione per il coraggio di chi (nelle fila di Mr.B.) ha finalmente osato tirare su la testa malgrado le minacce arrivate dagli organi di stampa “di famiglia”, ma la cosa che mi ha portato alle lacrime dal ridere è stato Scilipoti che ha gridato “Bastonare i traditori”. Dico, ve ne rendete conto, sia lui a dire questo supera ogni possibile umorismo, lui che ha coniato con “scilipotismo” il nuovo verbo che designa il trasformismo per interesse economico per eccellenza: comicità o dramma? Il Male diceva “hanno la faccia come il culo”, ma in questo caso il culo si offenderebbe.

Foto di oggi? Magut rules, il mio bagno ridotto ad una succursale di Mogadishou ….

magut 1 magut 2

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

10 Comment on “Magût Rules

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: