Il confronto con la Cami su glottologia, etimologia e, in generale, sulla lingua italiana si sta facendo più serrato: la guaglioncella neo-universitaria sta affinando le sue arti e insidia la mia posizione di letterato-alpha. Il caso è nato sull’uso del verbo “garrire”.

Mi sono espresso contro l’abitudine di posizionare lo stendino del bucato in modo insidioso, nella zona più buia del corridoio, con il risultato che, quando ci passo intorno alle 5 di mattina, riesco a travolgerlo con un concerto di pedalini svolazzanti, rumore di ferraglia contorta e bestemmioni sottovoce.

Cazzo, ma non si riesce a mettere il bucato a garrire in qualche altro posto?” ho detto, immaginando figure di stendardi medioevali, gonfiati dal vento, ed emulando un cavaliere che usciva da un torneo con pezzi dello stendibiancheria che mi pendevano dal corpo.

Le rondini garriscono, il bucato, al massimo, profuma o si asciuga” mi dice la Cami.

Si scatena una immadiata dotta disputa sul verbo intransitivo “garrire”, con la figlia che sostiene la tesi ornitologica e quindi che io abbia detto una cazzata, io invece quella delle certezze poetico-metereologiche sulle bandiere che svolazzano al vento. Mi secca ammettere che vince lei 65% a 35%: ho controllato sul divino Treccani, e ho perso ai punti questa tenzone.

Dante, Petrarca, Boccaccio, Carducci, Pellico usano “garrire” per indicare un verso stridulo di animale o persona. Solo in seconda definizione c’è “fremere rumorosamente” tipico di bandiere o vele al vento. Ho quindi garrito a Camilla di far poco la saputella e di muoversi che fa tardi per prendere il treno e diventare saccente.

Foto di oggi? Bucato steso, che garrisce (appunto) al vento …

Genova M 8 Genova M 7

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

5 Comment on “Mutande che garriscono al vento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: