Acque profonde

Lo so, sono scomparso per qualche giorno: la scorsa settimana ho fatto un’immersione talmente profonda nel lavoro che nemmeno il batiscafo di Piccard mi poteva raggiungere, con degli orari che mi hanno visto pestare sulla tastiera del computer e parlare al telefono a partire dalle 4 di mattina fino a una ragionevole ora della notte successiva.

Chiamiamola congiuntura sfavorevole, definiamolo periodo duro: la tesi del fancazzismo cosmico per cui c’è una larga popolazione che praticamente non lavora in qualsiasi insieme societario complesso, mentre altri che affogano ha trovato applicazione puntuale su di me. Chiuso un progetto rognoso nel subcontinente indiano, se ne sono aperti 3 o 4 a ventaglio, offrendomi di che bestemmiare con piena ragion veduta.

Ho menzionato sopra il batiscafo di Piccard: temo pochi conoscano la storia del “Trieste” che è sceso nella Fossa delle Marianne dell’Oceano Pacifico, a 10.911 metri di profondità.

Famiglia con la passione per i record, i Piccard: quasi fossero dei forsennati “Extreme” sponsorizzati dalla bevanda energetica Mucca Rosa. Auguste Piccard nasce in Svizzera nel 1884 e dimostra, con il fratello Jean, grande interesse per le ascensioni con i palloni aerostatici. Cominciando i primi esperimenti nel 1913, Auguste raggiunge, nel 1932, i 16mila metri di altezza.

Jean gli rovina il record un paio d’anni dopo arrivando a 17.500 metri, facendogli le linguacce: Auguste si incazza talmente tanto che decide di spostare il suo interesse verso le profondità, non prima di aver coniato la famosa frase “vai a cagare tu e la stratosfera” rivolta al fratello Jean.

Nel 1948 Auguste realizza un prototipo di batiscafo: un cilindro d’acciaio, pieno di benzina (più leggera dell’acqua), zavorrato con graniglie di ferro e munito di una cabina circolare. Scende fino a 1.308 metri di profondità, ma il collaudo è insoddisfacente e il mezzo risale zuppo e con dentro 4 triglie, 2 spigole, 1 orata e due polipi. Grande grigliata per Auguste ma pessima cosa per la scienza esplorativa.

Si sa che la follia è di famiglia: Jacques (già il nome lo fa un predestinato J-acque-s), figlio di Auguste, abituato sin da piccolo a immergersi nella vasca da bagno, costruisce un nuovo prototipo, il “Trieste” e, mentre il prototipo del padre scende nel 1953 a 2.100 metri di profondità, invita il genitore ad una gitarella vicino a Ponza e lo fa scendere fino a 3.150 metri.

Auguste mastica amaro, dopo che il fratello gli aveva soffiato il record di altitudine, adesso il figlio si mette a insidiargli quello di profondità: incazzato come una sogliola di Dover costretta a rotolarsi nella farina prima di essere fritta in padella con abbondante burro e servita in un ristorante di Chelsea, Auguste si immerge con il suo batiscafo fino alla bellezza di 4.050 metri.

Jacques sta sornione per qualche anno, vende il Trieste alla marina degli Stati Uniti, proponendolo come affarone di venture capital, si fa finanziare peggio di una IPO e, come ho detto all’inizio, scende nella Fossa delle Marianne a quasi 11mila metri. Il padre Auguste decide di diventare vegano, perché non vuole più sentir parlare di mare, batiscafi, sottomarini o sommergibili, ma manco di cacciucco alla livornese.

Quasi 500 parole di minchiate, con numerose invenzioni storico-romanzate possono bastare per confermare che sono nuovamente in equilibrio sulla tavola da surf di questo blog.

Foto di oggi? Scattata sotto casa a Genova, mi ha fatto venire in mente la solitudine che si prova in immersione …

alone

7 commenti

  1. Che bella foto! Bentornato a galla 🙂

    1. Thanks, adesso sono aggrappato a un salvagente a paperella ….

  2. Non so se far tesoro del tuo trattato storico oppure andare a comprare del pesce e friggerlo!
    🙂
    Joh

  3. In immersione non vi è solitudine, dipende dai fondali…comunque riemergere vuol dire respirare a pieni polmoni, quindi stai a galla! Ciao! Ines.

  4. Bella foto Bellalavita! Interessante prospettiva, strane pendenze e piastrelloni effetto optical. Notevole!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: