Ogni tanto riaffiorano, come tappi di sughero nell’acqua.

Ricordi, sensazioni, cose viste, momenti, persone: spesso riesco a comprendere il collegamento che la mente fa, e a spiegarmi cosa abbia attivato la cella di memoria. Altre volte invece non riesco proprio a trovare ne trama ne ordito, ma mi godo comunque il rivivere di quel momento, senza pensare sia invece una sorta di obesa demenza pre-senile che mi prepara ad annoiare futuri nipoti davanti al fuoco d’inverno con racconti sulla vita da simil-CIA-agent del nonno pelato con la trippa.

Mi son ricordato un pranzo, in una casa di un paese arabo. Oltre dieci anni fa.

Alì tutti i mercoledì riceveva i meno fortunati della sua tribù in un pasto che forse ricordava più la scena del matrimonio nel Padrino di Coppola. Entrando nella stanza, tutti seduti a terra, in silenzio. Poi i riti del saluto e dell’augurio e i segni anche labili e intangibili del rispetto.

Le cause vengono perorate da una terza persona, mentre Alì ascolta, e l’interessato con deferenza attende un passo indietro senza intervenire. Annuiva, faceva una domanda sottovoce e poi affidava ad un suo uomo la sua decisione e il gruppo si avvicendava con un altro e poi un altro ancora. La forza economica della sua famiglia di noti costruttori, e le relazioni che sono il tessuto politico ed economico in quella parte del mondo facevano il resto. Nessuna discussione, nessun appello.

Ho chiesto a un’amica di incontrarlo e di fare qualche foto in quello che lui definiva un atto di beneficenza, lo “zakat” richiesto nei cinque pilastri della fede islamica. Ho assistito alla cerimonia, mi sono seduto accanto a lui per il pasto, mi ha servito con le sue mani, come si addice all’ospite più importante.

Queste alcune delle foto scattate ….

ali lunch 1 ali lunch 5

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

4 Comment on “Ho visto cose …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: