Coogee in giallo

Posizionata a 8km a south-west del centro di Sydney, Coogee è oggi famosa per la sua spiaggia, particolarmente per la pericolosità delle onde che vi si infrangono, ma nell’anteguerra è stata il teatro dello “Shark Arm Murder case”, il caso investigativo dell’assassinio del braccio nello squalo.

I Bagni-Acquario di Coogee, ai primi dell’Aprile 1935, catturarono al largo uno squalo tigre, per esporlo nella loro vasca. Dopo averlo trasferito nell’acquario, il 25 Aprile, lo squalo cominciò a dare segni di malessere (probabilmente per la scarsa ossigenazione dell’acqua) e, davanti ad alcune centinaia di spettatori, vomitò un braccio umano con ancora un tatuaggio chiaramente visibile.

Le impronte digitali e il tatuaggio permisero l’identificazione: erano i resti di un ex-pugile pluri-pregiudicato, Jim Smith, che era scomparso dal 7 Aprile: il caso fu ascritto come “omicidio” visto che il braccio era stato tagliato e il banchetto dello squalo era avvenuto “post mortem”. Le indagini condussero al suo datore di lavoro, William Holmes, che lo aveva anche spesso utilizzato per organizzare truffe assicurative.

I due si erano messi in combutta con Patrik Brady, anch’egli pregiudicato, organizzando un racket di estorsioni e di ricatti. Tre santerelli insomma: per di più Smith ricattava anche Holmes, grazie ad alcuni documenti compromettenti di cui era venuto in possesso. Dalle indagini della polizia australiana, Jim era stato visto l’ultima volta bere con Patrick all’Hotel Cronulla, dopo aver detto alla moglie che sarebbe andato a pescare con lui.

Pare che Patrik volesse mettere le mani sui soldi di Holmes (che aveva anche un’attività di costruzione di imbarcazioni), e, dopo aver costretto Jim a rivelargli i documenti compromettenti, lo aveva ucciso, sezionato e aveva recapitato a Holmes il braccio (con il visibile e riconoscibile tatuaggio) come messaggio che il boccino era definitivamente passato di mano.

La polizia ha poi ricostruito che Holmes si sarebbe liberato del braccio lanciandolo in acqua e, qualche settimana più tardi, per sfuggire all’inseguimento di due lance della polizia, tentò anche malamente di suicidarsi: confessò poi il tutto, crollando in un interrogatorio in Giugno e accettando di testimoniare nel processo, soprattutto per paura che Patrik cominciasse a tagliare qualche pezzo di corpo anche a lui.

Pochi giorni prima del processo Holmes fu trovato morto, in un contesto che indicava chiaramente un tentativo di mascherare un assassinio come un suicidio: gli inquirenti però accertarono che difficilmente un individuo potesse spararsi quattro volte, due delle quali alla testa e due alla schiena. La scomparsa del testimone d’accusa, e il fatto che il corpo di Jim, braccio a parte, non venne mai ritrovato, fecero cadere le accuse contro Patrik.

La pianto qui che ho un sonno troio e il rumore delle onde fa da ninna-nanna. Foto? Se vi aspettate un mio autoritratto da Nero Mau-Wolf, potete attendere in eterno: qualche veloce scatto invece di Coogee mentre andavo a cena …

coogee 4

Annunci

3 commenti

  1. Sembra la trama di un film… a volte la realtà supera la finzione..
    🙂

  2. Truce, ma la spiaggia è deliziosa 🙂

    1. Domani qualche altra foto, che adesso ho un sonno troio dopo una cena da amici …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: