Adoro girare in bicicletta per Milano, e non tentassero di investirmi lo adorerei ancora di più.

Stamani ho fatto un giretto di 25km, arrivato in centro, attraversato (pedonalmente) la Galleria, salito su fino al Castello con un po’ di zig-zag tra i pedoni perplessi: un facocero di ragguardevole massa, con un casco arancione su una bicicletta con manubrio “long-horn” è qualcosa che vedertelo venire addosso ti fa provare la stessa sensazione di quando ai primi cowboy si inceppava il winchester con il bufalo che caricava.

Girato sul Castello (bella l’isola pedonale, io la estenderei fino a tutta la prima circonvallazione), sono uscito dalla parte dell’Arena, quando un’auto, passando col rosso, mi ha tagliato la strada. Mi sono alzato sui pedali.

L’idea iniziale di raggiungerla per staccargli a morsi lo specchietto laterale è stata calmierata dal vago ricordo di una mia promessa di non-violenza e di calma serafica nell’affrontare il quotidiano: ogni tanto mi piacerebbe essere smemorato però. Comunque l’ho raggiunta e, senza polemica ma con educazione, alla signora alla guida ho detto “Lei si è accorta che non solo è passata col semaforo rosso, ma mi stava anche investendo?“.

“Ho fretta, non stia a polemizzare” la sua risposta, prima di ingranare la marcia e ripartire. Ma che? Fretta di asfaltarmi? Dai, mi son detto, sarà un medico che sta correndo a salvare una vita: pensiamo positivo.

Ho raggiunto e superato via Moscova, girato in fondo a Via Garibaldi, fermato un attimo davanti a Patagonia, sceso in Largo La Foppa, proseguito in Via Statuto, Balzan e Montebello. In via Montebello ho rivisto l’automobilista: aveva appena parcheggiato in divieto di sosta e stava serenamente entrando in un bar. Altro che un chirurgo in emergenza: una consolidata maleducazione e un’attitudine a mettere a rischio gli altri con il proprio comportamento.

Incredibile come, quando un’auto è parcheggiata invadendo la carreggiata, lo specchietto salti via anche solo con l’urto di un ciclista: poi se lo specchietto atterra a 10 metri di distanza, sbriciolandosi, è solo un effetto della cinetica.

ride

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

9 Comment on “La bici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: