In settimana ho visto, durante un notiziario della BBC, gli effetti di un inverno estremamente secco e di un monsone inusualmente in ritardo sulle aree rurali del Myanmar. Devo essere a Yangon tra poco più di tre settimane, e rivedere in tv i campi che avevo visitato nel momento della posa del riso, perfettamente allagati e con qualche bufalo all’aratro, è stato veramente strano e triste. Immagini di monaci in fila costeggiando taniche vuote in attesa di un aiuto che arrivasse da Yangon, dove le riserve idriche sono ancora in buono stato, mi ha riportato alla mente una mattina sulle montagne (vedi questo post)

Ho letto sulla Reuters che WHO (World Health Organization) stima in circa 750 milioni gli individui al mondo che non hanno accesso ad acqua potabile, con delle punte di oltre il 50% della popolazione in oltre 50 paesi quali praticamente tutti i centro-Africani, il Mozambique, l’intero continente Indiano, il Laos e Papua New Guinea (qui il link al rapporto, che comunque indica progressi rispetto ad una decina di anni fa).

However, 748 million people – about half of them in sub-Saharan Africa and half in Asia – still do not have access to an improved drinking water source. More than one third of the global population, some 2.5 billion people, still do not have access to a basic toilet and 1 billion people still practise “open defecation”. Access to better drinking water and sanitation are seen as crucial in the fight against killer diseases such as cholera, diarrhoea, dysentery and typhoid.”

Nel 1995 (vent’anni fa), Ismail Serageldin, all’epoca vice president della World Bank , dichiarava: “Many of the wars this century were about oil but those of the next century will be over water“: molte delle guerre di questo secolo si sono combattute e si combattono per il petrolio, quelle del prossimo secolo saranno per il predominio sull’acqua.

Fortunatamente la sua previsione è ancora abbastanza disattesa, anche se le risorse idriche stanno diventando sempre più cruciali e la sete è una vera arma di distruzione di massa.

Foto? In Febbraio ero a Yangon (Burma/Myanmar) e ho scattato questa immagine nella spettacolare Shwedangon Pagoda ….

yangon (1)

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

6 Comment on “La sete

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: