Il Grande Spettacolo Nel Cielo

Questo pomeriggio ho traguardo con lo sguardo lo schermo che da un po’ di ore rappresenta il mio orizzonte reale e ho guardato fuori dalla finestra, il cielo.

Bisogna imporsi di guardare più spesso fuori: ti fa capire che c’è un mondo.

Lasciata a briglie sciolte, la fantasia si lancia in associazioni al galoppo: mi è suonata nella mente la voce di Clare Torry, nel brano “The Great Gig in the Sky“, “Il Grande Spettacolo nel Cielo” dal disco The Dark Side of The Moon.

Pink Floyd, 1973 per chi ha la sfortuna di non conoscerlo.

La band aveva cominciato a lavorare al disco nel Giugno del 1972, e originariamente il brano doveva essere basato su passaggi di organo, con una voce che recitava versetti della Bibbia: entrati poi in studio, l’organo fu rimpiazzato da un piano e vennero tentati altri inserimenti, tra i quali anche le conversazioni tra Huston e le navicelle spaziali ma senza arrivare a nulla di soddisfacente, arrivando alla fine a ipotizzare una voce femminile.

Allan Parson, lo storico ingegnere del suono, propose di contattare Clare Torry: una cantante 25enne che aveva partecipato nella registrazione di un album di covers. Un impiegato del Abbey Road Studio la chiamò immediatamente per organizzare una session di prova per la sera stessa.

A Clare non piacevano particolarmente i Pink Floyd e aveva due biglietti per il concerto di Chuck Berry quella sera, quindi rifiutò: solo l’insistenza di Alan la convinse ad accettare una prova per la domenica successiva. Al suo arrivo la band le suonò qualche minuto del brano strumentale, chiedendole di improvvisare quello che le sembrava più in armonia. Vennero fatte due registrazioni, con l’improvvisazione di Clare: poi rifiutò la richiesta di David Gilmour per una terza e ne andò a metà, sicura che i suoi vocalizzi sarebbero stati scartati, visto il silenzio di tutta la band.

Il silenzio era ammirazione. Il brano fu assemblato con quello che Clare aveva cantato.

Il 1 Marzo 1973 un amico la chiamò da un negozio di dischi: era stato appena pubblicato The Dark Side of The Moon e stava iniziando il successo che lo avrebbe portato a vendere oltre 50 milioni di copie, rimanendo per 741 settimane in classifica. La sua voce, e i credits per la sua voce erano impressi sulla copertina.

I went in, put the headphones on, and started going ‘Ooh-aah, baby, baby – yeah, yeah, yeah.’ They said, ‘No, no — we don’t want that. If we wanted that we’d have got Doris Troy.’ They said, ‘Try some longer notes’, so I started doing that a bit. And all this time, I was getting more familiar with the backing track. […] That was when I thought, ‘Maybe I should just pretend I’m an instrument.’ So I said, ‘Start the track again.’ One of my most enduring memories is that there was a lovely can [i.e headphone] balance. Alan Parsons got a lovely sound on my voice: echoey, but not too echoey. When I closed my eyes — which I always did — it was just all-enveloping; a lovely vocal sound, which for a singer, is always inspirational.” [Intervista nel 2005]

Foto? Il cielo dalla finestra della mia stanza a London la scorsa settimana …

city windows 1 city windows 2 city windows 3

Annunci

13 commenti

  1. Bello leggere dei retroscena di canzoni che si ascoltano da sempre…buona giornata Mau

    1. Buona giornata a te! 🙂

  2. Qui la storia e il brano, raccontata e suonato dai Pink Floyd …

  3. La musica dei Pink Floyd non è la mia passione, ma guardo spesso il cielo, ogni giorno. Mi quieta, mi dà gioia, persino quando è grigio. È bello ciò che gli si staglia contro… Abbiamo tutti bisogno di bellezza, e il cielo è bello anche nei luoghi che belli non sono. Uno sprazzo di cielo è alla portata di chiunque possa vedere.
    Ciao, buona giornata,
    Chiara

    1. Grazie Chiara! Continuiamo a guardare il cielo … 🙂

  4. mi sono canticchiata quella melodia in testa…. si, Clare era spettacolare!

    1. Ce ne sono un po’ di versioni su Youtube: interessante anche quella cantata da Ola Bieńkowska nel concerto di Sydney: un filo più “aggressive”, ma gran voce …

  5. Nel 1973 non ero ancora nato… 🙂

    1. Pensa invece quanto sono giurassico io: nel 1975, pischello quindicenne, ero a Knebworth Park (London) a sentirli presentare Wish You Were Here … 🙂

  6. Pink Floyd… mitici!

    1. Si, continuo ad ascoltare i loro primi dischi, dopo quarant’anni …

  7. Non c’è niente di più bello che alzare lo sguardo da un orizzonte ristretto e vedere il cielo, niente! Abbiamo bisogno di infinito, forse 🙂

    1. Togli pure il “forse” …. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: