“Ok, ho capito, inutile che mi martelli le orecchie e altri organi: smetti di usare l’anaphora” ho detto ad un amico al telefono ieri sera che continuava a ripetere le stesse parole in continuazione. “Guarda che io mi curo solo con aspirine e antibiotici, quelle cavolate sui prodotti omeopatici li lascio usare ai pazzi come te” mi ha risposto, inabissando le mie speranze su una cultura classica diffusa.

L’ “anaphora” (ἀναφορά in greco, “portare dietro”) è una figura retorica che, attraverso la ripetizione delle stesse parole all’inizio di una frase, rimarca il concetto ed aumenta l’enfasi del discorso: al contrario, quando lo si fa alla fine della frase, la figura retorica viene chiamata “epiphora“). I medicinali o le creme solari al tiglio e marezzino quindi non c’entrano nulla.

Al solito il suo uso, più che la definizione, è decisamente comune: il primo esempio che mi viene in mente è il discorso di Martin Luther King del 1963 a Washington, il famoso “I have a dream“, “Ho un sogno”.

… Let us not wallow in the valley of despair. I say to you today, my friends, that in spite of the difficulties and frustrations of the moment, I still have a dream. It is a dream deeply rooted in the American dream. I have a dream that one day this nation will rise up and live out the true meaning of its creed: “We hold these truths to be self-evident: that all men are created equal.” I have a dream that one day on the red hills of Georgia the sons of former slaves and the sons of former slave owners will be able to sit down together at a table of brotherhood. I have a dream that one day even the state of Mississippi, a state, sweltering with the heat of injustice, sweltering with the heat of oppression, will be transformed into an oasis of freedom and justice. I have a dream that my four little children will one day live in a nation where they will not be judged by the color of their skin but by the content of their character. I have a dream today….

Ma, volendo trovare qualcosa di spettacolare, anche per un convinto ateo come me, nel 1226 Francesco D’Assisi scriveva il Cantico delle Creature:

Altissimu, onnipotente, bon Signore, tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedictione. Ad te solo, Altissimo, se konfàno et nullu homo ène dignu te mentovare.
Laudato sie, mi’ Signore, cum tucte le tue creature, spetialmente messor lo frate sole, lo qual è iorno, et allumini noi per lui. Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore, de te, Altissimo, porta significatione.
Laudato si’, mi’ Signore, per sora luna e le stelle, in celu l’ài formate clarite et pretiose et belle.
Laudato si’, mi’ Signore, per frate vento et per aere et nubilo et sereno et onne tempo, per lo quale a le tue creature dai sustentamento.
Laudato si’, mi’ Signore, per sor’aqua, la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.
Laudato si’, mi’ Signore, per frate focu, per lo quale ennallumini la nocte, et ello è bello et iocundo et robustoso et forte.
Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba.
Laudato si’, mi’ Signore, per quelli ke perdonano per lo tuo amore, et sostengo infirmitate et tribulatione.
Beati quelli ke ‘l sosterrano in pace, ka da te, Altissimo, sirano incoronati.
Laudato si’ mi’ Signore per sora nostra morte corporale, da la quale nullu homo vivente pò skappare: guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali; beati quelli ke trovarà ne le tue santissime voluntati, ka la morte secunda no ‘l farrà male.
Laudate et benedicete mi’ Signore’ et ringratiate et serviateli cum grande humilitate

Foto? A Singapore, davanti al Buddha Tooth Relic Temple di Chinatown, c’è da sempre un ambulante che vende gelati con la sua bancarella-moto: se arrivate quando sta chiudendo, avrete modo di sentire l’anaphora di saracche e bestemmie in chinese-malay che utilizza come invocazione per far partire la moto ad ogni colpo di pedale …

ice creams

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

11 Comment on “Anaphora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: