Una leonessa e un canguro

In questi giorni ho pascolato un paio di volte per pranzo e cena due amici: Patricia è arrivata da Singapore, mentre Robert è decisamente Australiano come testimonia la sua passione enologica. Praticamente non erano mai stati in Italia (se si esclude una fugace apparizione di Rob una quarantina d’anni fa), e hanno visitato prima la Toscana, poi  Firenze e Venezia e quindi li ho visti arrivare a Milano. Dovevano andare da li direttamente a Roma: li ho costretti a passare due giorni a Genova, per vedere un mondo diverso, fatto di persone.

Non capivano che senso avesse questo “stop-over” e solo la mia insistenza li ha portati fidarsi e a mangiare nei carruggi, a passeggiare per i Sestieri, a incontrare chi conosco e scoprire assieme gente nuova, a stupirsi per il calore e l’ospitalità con cui sono accolti ovunque.

Stanno adesso cercando casa. A Genova, nella Città Vecchia …..

genova 18jul14 3

Annunci

8 commenti

  1. Che bella storia 🙂 Perché le persone in Italia sono belle quanto l’arte e la cucina, quasi sempre 😉

  2. Solo chi ama la propria terra può farla amare agli altri.
    Carruggi ed anime. Vino e cibo. Bellezze d’arte.
    Ogni straniero dovrebbe avere una amorevole guida italiana come te.
    Ogni italiano non dovrebbe avere, invece, politici beoti come quelli che abbiamo.
    Perché se all’estero avessero solo carruggi e focaccia, costruirebbero la più grande macchina del turismo mondiale.
    Che noi, abbiamo da parlare delle minchiate e degli stipendi dei senatori. Vuoi mettere?
    Bjour Mauri.
    Gravity – John Mayer

    1. Solo chi ama la propria terra può farla amare agli altri, hai ragione: si crea una sorta di osmosi delle sensazioni, trasmettendo molto più e molto meglio le sensazioni.

    2. Ah, empre gran buona musica in cuffia, complimenti 🙂

  3. Vero!
    Solo chi ama, comprende e accetta, può portare qualcun’altro a vedere con i propri occhi e con il cuore, quello che egli stesso sente.
    Oggi, gita in montagna in lucania, cascate d’oro di cespugli di ginestre in fiore, profumi e luce….
    Tralascio i particolari sul pranzo!

    1. Che la citrosodina ti sia vicina, bro!

      1. Ahimè devo optare per Mr. Muscolo idraulico gel….
        Ma ti confesso che ne é valsa la pena. Raccolti circa 2 kg. di finferli che verranno sacrificati sull’altare del pranzo domenicale!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: