Jan

Do not be indifferent to the day when the light of the future was carried forward by a burning body” (Non si può rimanere indifferenti il giorno nel quale la luce del futuro è annunciata dal corpo di un uomo che brucia), questa scritta, poi immediatamente cancellata, apparve il 16 Gennaio 1969 in Piazza Wenceslas, a Praga.

Quel giorno Jan Palach, studente di storia ed economia politica all’Univerzità Kaelova, decise di darsi fuoco, a 21 anni, per risvegliare la coscienza e l’orgoglio della Czechoslovakia invasa dalle truppe dell’Unione Sovietica e di altri stati del Patto di Varsavia.

Cominciata il 5 Gennaio 1968, con l’elezione di Alexander Dubček, la Primavera di Praga puntava a offrire ai cittadini una decentralizzazione dell’economia e un percorso verso la democrazia. Furono garantite le libertà di stampa, di parola e di viaggio. Lo stato, artificialmente aggregato con 3 diverse aree geo-politiche, venne suddiviso in due, a rispetto delle tradizioni culturali e politiche: la repubblica Czech e la Slovakia.

La notte del 20 Agosto 1969 la Primavera fu spenta con i carri armati sovietici: la mattina dopo gli abitanti di Praga li trovarono per le strade. Francesco Guccini ha scritto una bellissima canzone su questo …

Di antichi fasti la piazza vestita, grigia guardava la nuova sua vita
come ogni giorno la notte arrivava, frasi consuete sui muri di Praga.
Ma poi la piazza fermò la sua vita, e breve ebbe un grido la folla smarrita
quando la fiamma violenta ed atroce, spezzò gridando ogni suono di voce. 

Son come falchi quei carri appostati, corron parole sui visi arrossati
corre il dolore bruciando ogni strada, e lancia grida ogni muro di Praga.
Quando la piazza fermò la sua vita, sudava sangue la folla ferita
quando la fiamma col suo fumo nero, lasciò la terra e si alzò verso il cielo.

Quando ciascuno ebbe tinta la mano, quando quel fumo si sparse lontano
Jan Hus di nuovo sul rogo bruciava, all’orizzonte del cielo di Praga.
Dimmi chi sono quegli uomini lenti, coi pugni stretti e con l’odio fra denti
dimmi chi sono quegli uomini stanchi, di chinar la testa e di tirare avanti

Dimmi chi era che il corpo portava, la città intera che lo accompagnava
la città intera che muta lanciava, una speranza nel cielo di Praga

Foto? Ho fatto due passi, dandomi la regola di far emergere Praga solo da alcuni dettagli, scartando le foto “turistiche”, mentre le persone dovevano al solito essere il cardine dell’immagine. Poi mi son lasciato anche stregare un po’ dal Summilux e l’ho spinto fino a farmi capire che foto si riescano a tirar fuori con ‘sto gran vetro …

prague 28jul2014 12 prague 28jul2014 3 prague 28jul2014 5 prague 28jul2014 19
prague 28jul2014 23prague 28jul2014 24

 

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

11 Comment on “Jan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: