Bread and Roses

Ma perché questo nome, ‘Bread and Roses’, per un negozio di fiori” chiedo a Eleonora che sta preparando una decorazione floreale per un matrimonio domani.

Attraverso le sue parole scopro che è la strofa di una poesia di James Oppenheim, e che ha ispirato lo slogan di uno sciopero nell’industria tessile americana a Lawrence, nel Massachusetts: nel corso di un appassionato discorso Rose Schneiderman, leader sindacale e attivista dei diritti civili, riprese “bread and roses, pane e rose” per celebrare non solo i diritti delle lavoratrici, ma anche un chiaro riferimento a femminilità e dolcezza.

Lawrence aveva sviluppato nella prima metà del 1800 una fiorente industria tessile dove, a partire dal 1900, l’introduzione della meccanizzazione aveva de-specializzato la richiesta di forza lavoro, sostituendola con una mano d’opera di immigrazione (oltre 50 nazionalità), soprattutto donne e bambini. Le condizioni salariali erano sotto la soglia minima di sussistenza e quando la legge dello Stato ridusse l’orario massimo dalle 56 alle 54 ore settimanali, la proprietà dei filatoi applicò una detrazione salariale.

Le condizioni di vita erano oltre la soglia di povertà: un’indagine federale del 1912 riporta che “The workers in Lawrence are living in crowded and dangerous apartment buildings, often with many families sharing each apartment. Many families survived on bread, molasses, and beans; as one worker testified ‘When we eat meat it seems like a holiday, especially for the children’. The mortality rate for children was 50% by age six; 36 out of every 100 men and women who worked in the mill died by the time they reached 25

Nello spazio di una settimana oltre 20mila lavoratori entrarono in sciopero: la reazione fu dura con un esteso uso dell’esercito per reprimere la protesta. La notizia delle violenze, soprattutto verso madri e bambini, catalizzarono l’attenzione della Nazione Americana, del Congresso e del Senato e forzarono un approccio che vide, nel Marzo 1912, le richieste dei lavoratori vennero accolte. Sono andato a cercare la poesia di Oppenheim:

As we come marching, marching in the beauty of the day,
A million darkened kitchens, a thousand mill lofts gray,
Are touched with all the radiance that a sudden sun discloses,
For the people hear us singing: “Bread and roses! Bread and roses!”
As we come marching, marching, we battle too for men,
For they are women’s children, and we mother them again.
Our lives shall not be sweated from birth until life closes;
Hearts starve as well as bodies; give us bread, but give us roses!
As we come marching, marching, unnumbered women dead
Go crying through our singing their ancient cry for bread.
Small art and love and beauty their drudging spirits knew.
Yes, it is bread we fight for — but we fight for roses, too!
As we come marching, marching, we bring the greater days.
The rising of the women means the rising of the race.
No more the drudge and idler — ten that toil where one reposes,
But a sharing of life’s glories: Bread and roses! Bread and roses!

Foto? Eleonora, nel suo bel negozio sulla salita di Sant’Agostino che dalla Chiesa di San Donato porta su verso le Mura delle Grazie. Si, a Genova, ovvio ….

bread and roses 3 bread and roses 5 bread and roses 2

7 commenti

  1. E, si.
    Ti leggo.
    E rifletto.
    E sento malinconia come a natale. Come di sera.
    E sorrido, perché mai rinuncerei a leggere le tue righe.
    Jill scott – he loves me

  2. Bello saperti ancora qui, nella tua Genova. Mi piace l’ultima foto. Dà l’impressione di entrare nel negozio sbucando da dietro un fiore.. 🙂

  3. Straordinarie le foto oramai è superfluo dirtelo, invece leggerti e capire che ti piacciono i fiori come del resto anch’io adoro è bellissimo! Si immaginano a volte le persone che non si conoscono in modo diverso, più dure, meno emozionate, più dolci, meno cattive. Riveli anche (oltre alle doti che madre natura ti ha regalato!) un animo moldo sensibile. Vorrei fare anch’io composizioni floreali usando non solo i fiori ma anche la frutta o altro. Un tempo lontano lo facevo….Buon caffè caro Maurizio!

  4. petit marseillas · · Rispondi

    Des photos pour voyager tous les jours,
    du pain pour soulager notre corps
    et tes fleurs pour guérir les blessures de mon cœur

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: