SI, lo so: ho promesso a me stesso di evitare argomenti di becera politica italiana, ma qui mi si tira per i capelli che mi rado ormai quotidianamente.

Mi è scappato di vedere di sfuggita un brevissimo servizio alla televisione sull’ex-comico ortottero (insetto che ha, nel caso dei maschi, un organo stridulante che emette un suono simile a un ‘cdi-cri’): con un fare tracotante e, con alcuni buoni giorni di ritardo, si è fatto vivo nella sua città natale, Genova, coperta dal fango e dalla tristezza di un disastro previsto.

Facendosi largo insieme alla sua scorta a colpi di vaffanculo, ha usato la tristezza, la disperazione e la rabbia della gente per la sua usuale recita, che, devo dire, non mi lascia più esterrefatto ne disorientato ma solo abbastanza schifato: è diventato casta nella casta, dipingendosi da anti-casta della anti-casta. Non faceva più ridere da tempo, ha usato la rabbia per costruire uno spazio politico, ha dimostrato con mezzi bulgari l’incapacità a costruire alcunché oltre al “vaffanculo” che usa con loquace costanza.

Si è preso una bella pesciata in faccia da chi stava lavorando a spalar fango e, mentre scappava con la coda tra le gambe, tipico di chi è abituato a urlare e non a discutere o lavorare, ha ricevuto da un giornalista la richiesta per un’intervista. Da un giornalista della RAI. Ha sventolato un foglietto con un IBAN, il suo nome e la motivazione “Beppe Grillo per Genova” e ha detto al giornalista che voleva 2mila euro per l’intervista o “… te ne vai affanculo” (cito, testuale).

Non entro nella facile polemica “ma tu, Beppe, quanto hai dato?” piuttosto che “il diritto all’informazione” o “il dovere all’educazione“.

Caro Beppe, tu avevi davanti un  persona (pagata da tutti noi) che svolgeva il suo lavoro, raccogliere informazione e renderla disponibile: tu dovevi avere rispetto per un lavoratore, e non scomodo nemmeno la Costituzione della Repubblica per ricordartelo, scomodo solo la sensibilità, l’educazione e il buon senso di chi rappresenta(va) un terzo degli Italiani e avrebbe dovuto sentire questa responsabilità.

Non ti ho mai votato: di sicuro, anche solo per questo, non ti voterò mai. Prevedo il futuro per mestiere (serio, non ciarlatano): sparirai presto nell’oblio riservato agli incazzosi inconcludenti, ma ci hai fatto perdere soldi, opportunità e tempo.

Foto? La bellezza di un dettaglio in Piazza delle Erbe …

erbe

 

It's been 40 years that I'm traveling across the word for business and on vacation, but always with a Leica camera in my hand. I've started keeping a journal a while ago but now I'm committed to regular updates. All photos are mine.

7 Comment on “Ma come ti permetti?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: