Genova, mi prendo un’ora di pausa. Incontro persone che amano il proprio “dolce” lavoro, con una passione che tramanda oltre 230 anni di tradizione, quella di Romanengo che nel 1780 apriva nel quartiere della Maddalena la prima drogheria e spaccio di articoli coloniali.

Il loro negozio di Via Soziglia invece compie in questi giorni i suoi 200 anni di storia, e lo si festeggia organizzando un Convegno (Giovedì alle 17 in Palazzo Spinola Gambero) e un “open day” per Sabato sia nel negozio che nella fabbrica di Viale Mojon.

Sono stato in fabbrica oggi, a incontrare chi ha dolce amore per il dolce, lavorando esclusivamente a mano i prodotti con una pazienza che, come mi racconta Andrea, può portarti a metterci anche 20 giorni per realizzare un confetto.

Guidato da Enrica e Paolo, ho conosciuto l’altra Enrica che riempie a mano le forme per i cioccolatini, e poi Marcello mi ha poi spiegato l’arte dei loro canditi, cominciando dalla scelta della frutta allo snocciolare a mano ogni singolo pezzo, per poi bucarlo con attrezzi che hanno quasi 300 anni. Ho assaggiato il Chinotto, ancora caldo di candidatura e prima della “ghiacciata”. Ho visto le reti sulle quali lo sciroppo cola e ho sentito i profumi salire nell’aria.

Enzo mi ha spiegato come ognuno dei suoi dolci da dessert sia realizzato con le sue mani, ognuno con l’unicità del momento: tutti diversi ma identici, ma alcuni con una lavorazione in svariate fasi che lo fanno diventare poi una delizia.

Ho conosciuto Maria, che lavora i fondants in una nuvola di zucchero e amido, e, come dicevo sopra, Andrea che prepara i confetti con una passione che va oltre e ti riesce ad incantare mentre descrive la preparazione e ti mostra un paiolo di rame che arriva dall’unità d’Italia. Mi hanno parlato della loro voglia di realizzare dei prodotti unici al mondo, del loro desiderio di essere riconosciuti come i più bravi.

Ho chiesto ad Agnese come faccia a preparare l’assortimento delle confezioni: “Serve passione” mi ha risposto, “ogni scatola è differente dall’altra, è un’unico, dolce desiderio

Foto? Beh, si, qualcosa ho assaggiato anche, ovvio ….

romanengo 20 romanengo 9romanengo 17

 

 

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

25 Comment on “Il dolce amore per il dolce

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: