Please have a seat“, ‘Prego, si accomodi’ è una sorta di litania che mi sento costantemente rispondere qualsiasi cosa io voglia, chieda o debba fare.

Dagli esami clinici all’apertura di un conto corrente, dall’acquisto di un paio di ciabatte all’attendere che il mio take-away sia pronto: se poi considerate che con ‘sto mal di schiena che mi son ritrovato a fine anno, lo stare seduto mi fa un male troio, potete comprendere le risposte sarcastiche che mi trovo a dare.

Nella cultura di questa parte del mondo dovrebbe essere una forma di rispetto, come per dirti “tranquillo, tu ti siedi, ti scaccoli la narice o gratti l’alluce a tuo piacimento e al resto ci penso io, mio signore illuminato, illustre e rispettato“. Nella realtà, manco per un cazzo: è solo un modo di prendere tempo e nascondere l’assenza assoluta di investimenti in processi ad alta efficienza, visto che il costo lavoro si misura in noccioline ed è più facile aggiungere secchiate di addetti che invece organizzare un buon servizio.

Alla fine se ti siedi, il tipo/la tira ti richiede nuovamente cosa tu voglia, perché non ha fatto in tempo al primo giro ad accendere il cervello e collegarlo all’udito. Se rimani in piedi e gli dici “no, non mi va di sedermi” lo destabilizzi peggio che se si fosse trovato dinnanzi un tyrannosourus rex con il rossetto vermiglio e la permanente platinata.

Ho tentato di partire in contropiede con una roba tipo “Buongiorno, non voglio sedermi, vorrei questa cosa per favore, eh?”. Mi ha risposto “Please have a seat”. A momenti lo piglio a sberle.

Foto? Il minimo sindacale, e forse qualcosa anche meno mentre stavo facendo due passi (e il bagnino mi aveva appena detto “Please have a seat”) ….

beach (1)

 

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

13 Comment on “Please have a seat

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: