Cafe Nero Melting Pot

China, Kenya, Filippine, Morocco, Romania, Palestina/Jordania, Cameroon: il melting pot di ragazzi che la mattina si occupano del mio cappuccino potrebbe rappresentare serenamente una commissione alle United Nations sulla diversità culturale e religiosa. Non su quella sociale perché, visti i due spiccioli che prendono di stipendio, sono comunque nello stesso cluster di chi fa fatica a tirare avanti.

Ho scattato loro qualche foto e poi sono riuscito, come facevo un po’ di anni fa nel mercati di Deira, a stampare delle copie e a regalargliele: c’è sempre una gioia nella foto “stampata”, “toccata”, “passata di mano in mano” e quasi strappata via dalla curiosità. La gioia di non macchiarla con il caffè, di non spiegazzarla. La gioia di lasciarla per farla vedere a chi entra nel turno successivo.

C’è una gioia che il freddo visore o monitor non può dare, però è l’unico modo di farvi conoscere questi ragazzi che fanno parte spesso del mio quotidiano …

cafe nero 5 cafe nero 4cafe nero 3 cafe nero 2 cafe nero 1

8 commenti

  1. marcotone · · Rispondi

    Appena posso ti mando una foto da Milano la mattina presto. Tutti così sereni e sorridenti….😠.
    Regards

    1. 🙂 ironico? 🙂

      1. marcotone · ·

        Niente foto, il barista mi ha mandato affanculo 😊. Un poco di ironia si, ma ironizzavo sul fatto che qui in Italia siamo abbastanza incazzosi anche con il prossimo.

      2. 🙂 picchialo sulle gengive con il cucchiaino del caffè, normalmente si ammansiscono così 🙂

  2. Te l’ho già detto un sacco di volte, ma trovo veramente apprezzabile il fatto che stampi le foto e poi le regali.
    E’ un gesto cortese e rispettoso che elimina la sensazione di “furto” che si può provare nel subire uno scatto non voluto/richiesto e che riequilibra i rapporti tra chi fotografa e chi fa da soggetto, sia pure involontario.
    Rimette la persona “al centro” della foto e attribuisce un significato relazionale allo scatto che la immortala che va ben al di là della mera collezione di immagini paesaggistiche.

    🙂

  3. E poi per consegnarle ci devi tornare. Secondo me non se l’aspettano. Io, la foto che mi hai regalato, la conservo gelosamente.

    1. Adulatore in costante cammino!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: