Il tempo in bn

Si, ammetto di avrlo fatto: sono andato a rivedermi la clip di PSY “Gagnam Style” che ha avuto il primato di quasi due miliardi e mezzo di visite su Youtube, inizialmente con l’idea di fotografare gli stessi luoghi di Seoul con il sottoscritto che esponeva trippa e pelata nei ritmi sincopati della danza rap. 

Poi mi son reso conto che forse il mio flash-mob potrebbe creare lo scompiglio tra la popolazione locale: malgrado PSY non sia certo un figurino, vedere un facocero di 120 chili agitarsi sarebbe stato troppo dopo anche la decisione del governo di redigere e ammettere un solo singolo libro di storia nelle scuole della Korea. La cosa, unite a forti motivazioni sulla tutela dei lavoratori, ha portato ieri nuovamente a Seoul in piazza la protesta. 

Il governo di centro-destra ha difatti comunicato lo scarso gradimento (suo, del governo stesso, fatemi precisare che dalla consecuzio potrebbe non essere chiaro) per gli attuali testi accademici presenti nelle scuole del paese, in quanto “scritti ed editi da persone di sinistra e con presenti alcuni errori che è obbligatorio correggere”: quindi non si incoraggia un nuovo studio comparato, ma una edizione “gradita”, che sia l’unica adottata in tutte le scuole del paese. Un indiscutibile inno a pluralismo, dibattito, discussione e libertà di opinione. Cazzo. 

Un ministro ha notato che in alcuni dei testi correntemente adottati l’aggettivo “dittatoriale” riferito al Nord Korea non era presente un numero sufficiente di volte, mentre un altro esponente del governo lamentava il fatto che nessuno dei libri oggi nelle scuole celebrava in modo consono e completo il successo economico del paese, che ha raggiunto democratizzazione e industrializzazione nel più breve tempo della storia. Lacune inconcepibili che, è ovvio, debbano portare ad una sola versione dove le nuove menti koreane possano abbeverarsi con consona e concorde ortodossia. Cazzo, di nuovo. 

Ogni tanto riesco a stupirmi, e dire che ne ho viste tante nella mia vita di vagabondaggio planetario. 

La storia è come una fotografia, la si può scurire, schiarire, la si può correggere nella sua inclinazione, si possono aumentare i dettagli con l’uso dei brodi chimici o digitali, ma non si può cambiare l’immagine stessa né con ritagli né con programmi tipo photoshop: non sarebbe più “vera”. 

Foto di oggi? Appunto, un po’ di uso del bianco e nero in Watch Alley, su vicino al mercato Gwangjang …

   
    
 

2 commenti

  1. Mau ti segnalo anche il nuovo video di PSY, visto che sei diventato un suo fan!

    1. Imperdibile, eh? Speravo fosse annegato nella vodka di cui fa largo uso ….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: