Ogni volta che ci passo mi ricordo i loro nomi: in piedi Zoya Kosmodemyanskaya è la donna a destra, e  Matvey Kuzmin l’uomo barbuto a centro, vicino al quale c’è una terza figura inginocchiata. L’austera statua dei tre partigiani intabarrati per l’inverno Sovietico, con mitra e moschetto, non manca mai di avere un mazzo di garofani rossi alla sua base, dono di qualche nostalgico grato per uno sforzo costato decine di milioni di vite umane.

Sono alla stazione di Partizanskaya nella Metro di Mosca.

La stazione è stata aperta durante la Seconda Guerra Mondiale, nel 1944, e chiamata inizialmente “Izmailovsky park kul’tury i otdyha imeni Stalina” (“Parco Stalin Ismailovsky per la Cultura e il Divertimento“),  poi abbreviata in Izmailovskaya nel 1948, per ritrovare nel 1961 il toponimo Izmailovsky Park (e anche l’adiacente Stalin Park ha subito la stessa sorte dopo il Discorso Segreto su Baffone), e atterrare nel 2005 – in un momento di rivitalizzazione degli antichi fasti della CCCP – al nome attuale di Partizanskaya. Una roba che chi si è trovato a disegnare la mappa di Mosca si è morso gli alluci dal nervoso.

Pascolo un paio di amiche verso il mercatino Izmaylovsky Market (e adesso la pianto con i toponimi scioglilingua, lo prometto), dove tra la paccottiglia di recente produzione si trova talvolta qualcosa di interessante: volevo cercare una Fed, la copia Russa della Leica III, a pochi rubli ma – a parte qualche chilo di Zenit – quello che vedo in vendita è disastrato e offerto ad un prezzo che meriterebbe la risata aperta, non fosse che anche qui non hanno il sense of humor e poi in molti son grossi come me.

Sulla destra dell’ingresso una lunga fila di braci fanno sfrigolare manzo, agnello, pollo e altri prodotti autoctoni dove il forte sapore di affumicato nasconde una qualità della materia prima leggermente incerta: una focaccia calda e una birra fredda ci fanno da contorno mentre celebro il mio appetito atavico e non sono nemmeno le 11 di mattina.

Foto? Al solito pellicola TMax400 con una Leica M7 affumicata …

mau film 130816 16 mau film 130816 15 mau film 130816 14 mau film 130816 13 mau film 130816 12 mau film 130816 11

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

One Comment on “Izmaylovsky aka Stalin Park

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: