Un breakfast leggero. Tre uova strapazzate, due suole del 46 di bacon, pomodori alla piastra, mezzo chilo di hash-brown e un paio di fette di pane integrale con una generosa cazzuolata di burro sopra, che la scusa “ieri sera non ho cenato, e oggi mi muovo” avrebbe anche giustificato Garrone nel Cuore di De Amicis.

Uscito dall’ostello davanti alla Public Library, sulla 5th, ho preso a sinistra e non mi son più fermato fino a Battery Park, dove tirava una bella brezza tesa e i traghetti imbardavano delle strappate al cui confronto in Coppa America girano sulla classe laser.

Son tornato al mercato organico di Union Square, tappa obbligatoria delle mie camminate NewYorkesi da quasi 40 anni, e ho trovato meno banchetti di un tempo: forse la nuova fronda Trumpista-populista spinge maggiormente verso i 7-11 che verso le bellissime zucche e i cavolini ancora attaccati sul ramo.

Ho tagliato Little Italy, andando a incrociare China Town: qui il romanticismo di quando ci passavo da ragazzetto mi è scomparso, sostituito invece a torme di turisti armati di aste da selfie. Pausa di riflessione davanti a un cappuccino, stufando un attimo da Starbucks per vedere se il mio corner di hamburger esisteva sempre e poi ho arrancato fino a Battery Park.

Montato sul traghetto più per curiosa noia che interesse, ho scoperto di aver fatto la cazzata del weekend nel confondermi con altre migliaia che andavano a salutare Grimilde. Tornato indietro sull’onda della bestemmi a del mal di testa da vento gelido, mi son rifugiato in un vagone d’acciaio della linea 1 (la Rossa), dove una piccola battaglia per i diritti civili – tra il 2004 e il 2009 – ha garantito fosse legale fare fotografie. Sceso sulla 14esima sono andato nel Village, ad onorare il tempio della carne di manzo macinata e pressata a cilindro, aggiungendoci un paio di bicchieri di Landshark Lager gustosa e profumata.

Foto? A casaccio: ne ho scattate una quindicina in tutto …

ny-d2-3ny-d2-12 ny-d2-11 ny-d2-10 ny-d2-9 ny-d2-8 ny-d2-7 ny-d2-6 ny-d2-5 ny-d2-2 ny-d2-1 ny-d2-13

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

13 Comment on “Dove l’Italia confina con la China

  1. Pingback: Capesc? | La vita è bella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: