Haboob

“Habùb” è la parola che in Arabo identifica le tempeste di sabbia, create dal collasso di depressioni climatiche che alzano forti venti, sollevando una quantità indescrivibile di polvere fino a creare problemi alla visibilità e il collasso di buona parte delle comunicazioni per le cariche statiche generate dall’attrito delle particelle nell’aria e sul terreno.

La polvere te la trovi ovunque, e mastichi sentendotela tra i denti. Tutto assume un colore neutro tra il grigio e l’ocra. Normalmente i venti, che nel massimo del fenomeno sono bollenti, si calmano dopo qualche giorno: te ne rendi conto dal sentire che le raffiche sono più distinte e la visibilità migliore.

Stare all’aperto non se ne parla: anche respirare è faticoso.

Ho preso la macchina, imboccando Al Khalleji Road dentro Deira, con l’intenzione di andare a mangiare un boccone al Karachi Darbar, il posto dove la povera gente Pakistana che vive da queste parti assapora la cucina Muhajir più tradizionale: il Biryani che servono qui è divino. La ricetta è il risultato di un mix tra le influenze Persiane e l’avvento dell’Islam nel Pakistan, dove il riso e le spezie si mescolano a pesce, montone e manzo.

Le mie fantasie alimentari si sono spente in un traffico troio che mi ha bloccato per una buona ora e il parcheggio, già notoriamente impossibile qui se non allungando qualche dihram al tipo che gestisce i 3 posti auto difronte al Souq, oggi era preso d’assalto sventolando banconote da 50. Ho tirato dritto fino al Fish market per andare a prendere mezzo chilo di datteri secchi iraniani da tenere come scorta energetica d’emergenza.

Ah, dimenticavo, ieri notte è andato a fuoco un grattacielo di Marina Bay: il nome già portava sfiga, “The Torch”. Nessun problema alle persone (sia la torre che quelle circostanti sono state evacuate), ma i danni alle strutture sono importanti visto che il vento alimentava le fiamme dal 40esimo al 70imo piano: forse ripensare il fatto che tutte le facciate dei palazzi sono altamente infiammabili potrebbe essere opportuno.

Foto? qualcosa scattato mentre ero fermo in coda e altro nel Fish & Veggies Market che stava chiudendo …

sandstorm 7 sandstorm 5

Annunci

10 commenti

  1. In effetti quel nome non aiuta… 🙂 Per fortuna non ci sono state vittime. Buona serata Mau

  2. Ho visto le immagini in tv di quell’incendio… Che impressione!
    Buon sabato e buona domenica… Il concetto di weekend, per te, è piuttosto cambiato! 😉
    Un abbraccio 🙂

    1. venerdì ho lavorato tutto il giorno, oggi ho semi-cazzeggiato, domani lavoro normalmente …

      Un abbraccio anche a te!

  3. Sono passato apposta per sincerarmi che la Leica stesse bene e che non si fosse “impressionata” troppo per l’incendio… eh eh eh
    🙂

    1. 🙂 ringrazio per il pensiero 🙂

  4. Ma ora è passata la tempesta di sabbia?
    The torch: in effetti, nomen omen, non sono scaramantici da quelle parti 🙂
    Buona notte!

    1. C’è ancora qualche raffica di vento alla carta vetrata che gira, ma il peggio è andato ….

  5. Ho letto stamane dell’incendio e ho sperato che la tua casa fosse da tutt’altra parte!
    E in effetti è così… 🙂
    Belle foto come sempre.

    1. Yep, e riuscissi a entrarci in casa, che non mi hanno ancora allacciato la corrente, cazzo …..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: