Agnello

Ma che bel agnello che è!”. L’età, unita a una vita che non deve essere stata particolarmente sana con i chiari segni dell’uso di droga che marcano il viso e le braccia, le conferiscono un’aria da personaggio di Bukowsky.

“Guardi, non per fare polemica gratuita ma sarebbe un cane, e per di più femmina e comunista” le rispondo.

Siamo in via Banchi e Beria sta arrancando verso Campetto dopo il rituale giro del Porto Antico a Genova: con le 7 della mattina la città comincia a svegliarsi mentre c’è ancora il fresco della notte che si stropiccia gli occhi sbadigliando e la macala del giorno non è ancora arrivata.

E allora che differenza fa?” insiste, mentre il top che le lascia scoperto un filo di pancia sopra una crudele minigonna, va a denotare una struttura fisica ad anfora che raccomanderebbe un abbigliamento più castigato per il metro e mezzo di altezza.

“Non voglio fare il precisino, ma l’agnello è un mammifero della famiglia dei bovidi, e fa parte del genere degli ovis, è quindi forse imparentato con una mucca, mentre Beria è un canide e ha il suo cugino prossimo nel lupo: l’agnello è vegetariano e il cane è tendenzialmente carnivoro o onnivoro grazie ai pasti di crocchette che oggi si offrono agli esemplari domestici”.

Beh, anche io conosco un ristorante vegano”: la sua risposta mi fa capire che siamo ancora in alto nella curva chimica, ed è inutile cercare un dialogo quando le molecole colpiscono a sberloni le cellule celebrali e fanno dei gran danni.

“Si, e la zoologia bisogna chiuderla che non è giusto tenere gli animali dietro le sbarre, giusto?”, mi pare consono a questo punto mantenermi in sintonia dialettica, ma non volendo prenderla in giro.

È vero. Senti, bello, mi stai simpatico tu e il tuo agnello: non è che hai 5 euro da darmi per fare la spesa?”. “E se ti stavo antipatico pensavi avessi un facocero al guinzaglio e me ne chiedevi 10, cazzo?”. Mi farfuglia una risposta tra i pochi denti che l’eroina le ha lasciato e mi abbandona carcollando verso Sottoripa.

Foto? Ieri son passato per Via di San Bernardo e mi è caduto l’occhio su una scritta epicurea che si richiama al “Carpe Diem”, ma con una visione un filino più ossianico-cimiteriale ….

Genova June 2015 5

8 commenti

  1. Buonissimo week end Mau, finalmente nella tua Genova…

    1. Si, belin! E mi son seduto in San Lorenzo con la Monica, Pino e Mauro a mangiar focaccia e a parlare di vita, di alici e Rossese, di calura e di viaggi …

  2. E bravo Mau!
    Genova dev’essere proprio bella. Devo farci un salto qualche volta!
    Bella la scritta. La prossima volta che ci ripassi davanti prendi un raschietto e toglici l’apostrofo. 🙂
    Buon weekend!!

    1. Non è il caso di soffermarsi sull’ortografia …. 🙂

      1. Hahahaha… Infatti di solito me ne frego, ero in dubbio tra il dire il non dire. 😀

  3. Belin sei di Zena?

    1. Lo sto diventando per adozione, è una città con gente che adoro! Ogni tanto vivo qui, nella Città Vecchia: se sei di queste parti condividiamo un piatto di alici!

      1. Moglie Genovese…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: