Offelee, fa el tò mestee

L’Attilio mi dava pillole della sua saggezza in dialetto milanese. Perdonate la scrittura poco fonetica: “Tut barlafüs“, “Trop gent chi moer“, “Gorgonzoela“, ma stamani mi son venuti in mente un po’ di proverbi, quando tentavo di dare un decoro formale al mio abbiglaimento.

L’erba di alter l’è semper la pussee bona” (“l’erba del vicino è sempre migliore”: notoria discussione sulla cannabis di accaniti consumatori).

Stamani mentre mi vestivo ho guardato con tristezza il risultato di 12 ore di riunione seduto sulla mie braghe: un devastante inguine a fisarmonica che, nel tentate di infilarci dentro la gamba, risuonava peggio dell’Orchestra Casadei in una Romagna Mia a base di lambrusco

El Signor prima ja fa e poeu ja combina” (“se ci fosse un dio, cosa di cui dubitiamo formalmente, si accanirebbe con costanza nel punirmi per i miei numerosi e frequanti peccati affidandomi al trasporti di tassisti Turchi”)

Ho lanciato l’anima oltre l’ostacolo e ho aperto un asse da stiro a serramanico che mi ha falciato l’alluce nudo, cazzo alle stelle. Ci sono alcune cose che so fare molto bene, e questo mi viene ampiamente riconosciuto, ci aono cose nelle quali mi arrangio e arrabatto, e bisogna sapersi accontentare, ci sono cose che non ho mai saputo fare e non saprò mai fare. Stirare rientra in quest’ultimo insieme a pieno diritto.

Fa minga la figüra del cicculatée” (“se sai che stai per fare una minchiata, cazzo, fermati in tempo e non quando stai sgasando in un lago di merda, sorridendo come se fossi seduto a berti uno spritz in fronte al mare”).

Ho armato il ferro da stiro, inserendo acqua nell’apposito orifizio e collegando la spina: un ansimare sinistro mi ha confermato che l’operazione è andata a buon fine. Cominciando a tentate di vincere delle pieghe al cui confronto la lamiera ondulata è seta mi son sfiorato tre volte il pollice, rischiando di trasformarlo in un bratwurstel da saga bavarese.

La bocca l’è minga stracca se la sa nò de vacca” (“potrei cordialmente vedere il carrelli dei formaggi, che il colesterolo lamenta la consueta attenzione e vorrei anche seccarci sopra un buon vino, che la vita è breve, cazzo”)

Il primo passaggio ha appiattito tutto come il grembiule in cuoio di un maniscalco, e soprattutto con la stessa rigidezza: che abbia immesso mercurio nella vaschetta al posto dell’acqua? Il secondo passaggio mi ha visto focalizzato sulla piega e ho usato il ferro come fosse una fiamma ossidrica. Con il terzo ho rimediato a qualche trascurabile errore come quello di aver lasciato un fazzoletto appallottolato in tasca e mi son trovato un rigonfiamento al cui confronto Siffredi è un lattante.

Gatta inguantada la ciappa minga i ratt” (“è ovvio che ci voglia un minimo di tecnica e meno inibizioni tecnologiche se si vogliono ottenere dei risultati premianti anche in un processo semplice come quello di prendere un topo per un felino domestico”).

Ho rimediato agli errori e mi son dato un minimo di contegno: sicuramente rimango convinto che il segreto di una stiratura perfetta rimanga l’outsourcing a una buona lavanderia. 25 minuti di bestemmie, al mio average daily rate, mi sarei strapagato il riisultato.

Offelee, fa el tò mestee” (“Mau, cazzo, vai a lavorare, che è il primo giorno del nuovo Fiscal Year”)

foto? Ovvio, il ferro da stiro stamani …. Ah, e sto pubblicando questo post da un 777 a 12mila metri sopra l’Iran

Annunci

14 commenti

  1. Con un’inquadratura così elegante vien quasi voglia di stirare…

    1. Dubito quin e il congiuntivo, an e l’indicativo, dando sfoggio di reminiscenza classiche ….

  2. Bellissima! Comunque stirare è più facile che fotografare… 🙂

    1. Dipende dai punti di vista 🙂

      1. 🙂 posso sempre darti qualche dritta!

      2. … E io sulla fotografia 🙂

      3. Affare fatto! 😉

  3. Un racconto degno del miglior indiana Jones. Dopo lo stiro, alla ricerca del santo gral…
    👀

  4. Buahahaha…
    Sono un po’ arretrato nella lettura dei tuoi post estivi ma questo è parecchio divertente. Attento a non dar fuoco a qualche camicia! 🙂

    1. Nel caso ritmerò uno dei miei slogan preferiti della fine degli anni ’70: “champagne-molotov” 🙂

  5. Sono incantata dalla foto: valeva la pena (scusa, eh!) farti sudare sull’asse da stiro solo per avere questa foto.
    Ma i pantaloni alla fine come sono riusciti?

    1. Adulatrice fotografica!

      I pantaloni son venuti quasi bene, sembravo un bravo ragazzo alla prima comunione 🙂

  6. Bello austero quel ferro… Un tipo tosto. 🙂

    1. Mi ha dato filo da torcere …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: